Visita Medicitalia per info su Dr. Antonio Valassina, Ortopedico, Chirurgo vascolare. Trova telefono, indirizzo dove riceve, patologie trattate e curriculum.

1785 Consulti

48 Recensioni

Feed Rss Rss

Scheda vista 173.444 volte

Indice di attività:
48% attività +48
8% attualità +8
20% socialità +20
Policlinico A. Gemelli

Largo A. Gemelli, 8 - 00168 - 00100 Roma (RM) - Mappa

12.4275696 41.9291255

Vedi dettagli

Studio SCAI (CISALPI /Attivita' Libero Professionale Intramoenia)

via Pineta Sacchetti, 231 D - 00100 Roma (RM) - Mappa

12.426232099999993 41.9320645

Vedi dettagli

xx

xx - 00100 Roma (RM) - Mappa

12.39453560000004 43.1022936

Vedi dettagli

Ultime recensioni ricevute

Ottima spiegazione della sindrome. Grazie dott.Valassina

Otima spiegazione dott. Valassina! A volte sarebbe bello poter sapere anche le conseguenze di questo tipo di patologia,che non è affatto conosciutissima.

UTILE

velocissimo e gentilissimo..

Ottimo, valutazione professionale e molto pratica. Grazie.

Visualizza tutte le recensioni

Ultimi consulti erogati

Borsite ginocchio
10-06-2016 - Ortopedia
Visto 8.975 volte
Punti per una spina, urgente
02-04-2016 - Chirurgia vascolare e angiologia
Visto 657 volte
Visto 905 volte
Visto 10.115 volte
Sospetta sindrome klippel-feil
29-12-2015 - Ortopedia
Visto 14.930 volte

Visualizza tutti i consulti

Ultimi articoli dal blog

Una notte di dicembre senza Babbo Natale e senza Gesù Bambino nell’Italia del Sud
25-12-2015 - Ortopedia

9 commenti ottenuti

Partecipa anche tu! Clicca qui

Visto 4.776 volte
Informazione e comunicazione sulla salute senza fili e senza confini
15-10-2015 - Ortopedia

Nessun commento

Vuoi essere il primo a commentare questo blog? Clicca qui

Visto 2.700 volte
Se la frattura vertebrale di Neymar è un fake
05-07-2014 - Ortopedia

13 commenti ottenuti

Partecipa anche tu! Clicca qui

Visto 69.677 volte
La responsabilità civile del medico consulente su internet
15-06-2014 - Medicina generale

15 commenti ottenuti

Partecipa anche tu! Clicca qui

Visto 5.963 volte
Il colpo di frusta di Letta contro i traumatizzati
15-01-2014 - Ortopedia

5 commenti ottenuti

Partecipa anche tu! Clicca qui

Visto 7.886 volte

Visualizza tutti gli articoli/news del blog

Ultimi articoli scientifici MinForma

Visto 29.290 volte
Visto 91.599 volte

Glossario medico

Accelerazione

Variazione della velocita' : termine utilizzato in biomeccanica per descrivere fenomeni fisiologici o fisiopatologici

Accorciamento

1. Azione risultante di forze che applicate in compressione ad un oggetto ne provocano l'accorciamento (anche se invisibile ad occhio nudo). 2.Tecnica chirurgica utilizzata sull'arto sano più lungo per "pareggiare" l'arto controlaterale piu'corto

Acromegalia

Parola composta dalle radici greche "acros" (estremita')e "megas" (grandi)= arti lunghi più del tronco e dunque non in proporzione, insieme a zigomi sporgenti e mandibola larga. Sindrome caratterizzata da eccessiva secrezione di GH, ormone ipofisario

acromion

Dal greco "akros", sommità/estremità, e "ōmos", spalla. Apice del processo osseo superiore e laterale della scapola che sovrasta l'epifisi prossimale dell'omero.

AEROEMBOLISMO

Termine desueto utilizzato per descrivere il fenomeno dell' embolia gassosa (vedi)

Agenesia

Dal greco "a"(privo)e "gènesis"(nascita),indica l'assenza di un organo/membro/apparato o parte di arto.

alisteresi

Dal greco "ali"(sale)e "steresis" (privazione), perdita di sali dall'osso su base chimica, detta riassorbimento liscio, priva dunque di mediazione cellulare (diff. osteoclasi)

alluce valgo

Deviazione esterna del 1' dito del piede

allungamenti

Vedi allungamento

allungamento

Azione risultante di forze che applicate in trazione ad un oggetto ne provocano l'allungamento (anche se invisibile ad occhio nudo). Tecnica utilizzata per correggere gli accorciamenti.

anca

Articolazione composta dall’epifisi prossimale del femore e dall’acetabolo, cavita'inferiore ed esterna del bacino. E’ soggetta a varianti anatomiche e a notevoli sollecitazioni in compressione con possibile usura della cartilagine fino all’artrosi.

Aplasia

Dal greco "a"(privo) e "plésein"(formare), indica il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo presente solo in bozza

apparecchio gessato

Apparecchio eseguito con bende gessate per immobilizzare una parte del corpo come gli arti o il tronco. Viene realizzato con bende impregnate di gesso bagnate e svolte intorno alla parte del corpo protetta da cotone da fissare nella posizione voluta

Arti Inferiori

L'arto inferiore e' la parte del corpo compresa tra l'anca e il piede.

Articolazione

Sistema anatomico di unione delle ossa dello scheletro composto dai capi ossei con la loro cartilagine di incrostazione, dalla capsula, dai legamenti, dai menischi e dalla membrana sinoviale

Artrite

Processo infiammatorio dell'articolazione causato da malattie autoimmuni della membrana sinoviale (reumatiche/parareumatiche)o per infezioni o malattie metaboliche con degradazione della cartilagine articolare che si manifesta rapidamente nel tempo

Artro

Dal greco dal greco "árthron", significa articolazione

Artropatia

Patologia degenerativa di un'articolazione

artroprotesi

Vedi protesi totale

artroscopia

Dal greco "arthron", giuntura/articolazione, e "skopê", osservazione, è una tecnica chirurgica mininvasiva per la visione ed ev. trattamento delle lesioni all'interno dell'articolazione mediante l'artroscopio, un particolare tipo di endoscopio.

Artrosi

Processo degenerativo della cartilagine articolare che si manifesta lentamente nel tempo. Puo' essere primitivo da causa non conosciuta (idiopatico) o secondario a deformita', traumi, infezioni

ascensore

Tecnica di traslazione di una parte d'osso: utilizzata in Traumatologia per colmare perdite di sostanza ossea/pseudoartrosi di un segmento scheletrico e in Ortopedia in malformazioni congenite con accorciamenti, aplasie/ipoplasie ossee parziali.

Bacino

L'insieme anatomico delle ossa del cingolo pelvico: sacro, ileo, ischio e pube. Il complesso di queste ossa descrive una sorta di cerchio detto anello pelvico.

Blocco lombare

Contrattura acuta della muscolatura paravertebrale e conseguente rigidità articolare vertebrale.La contrazione spasmodica della muscolatura del rachide ha carattere finalistico,in quanto cerca di ridurre/eliminare il movimento del rachide infiammato

Borsite

Infiammazione di una borsa: può essere su base meccanica, chimica (metabolica) o settica

busti Milwaukee

Corsetti per la cura della scoliosi caratterizzato da un invaso pelvico congiunto con aste ad un anello di richiamo mentoniero e occipitale. Trova indicazione nel trattamento delle scoliosi infantili o giovanili con scheletro immaturo

calcagno

Osso posteriore e inferiore del piede che si articola con l'astragalo e il cuboide, corrisponde alla regione anatomica del tallone.

Calcificazione

a) metabolico: processo di mineralizzazione della matrice ossea prodotta dagli osteoblasti nella costruzione dell'osso b) patologico: processo di deposizione in sedi extraossee (borse, tendini o muscoli) di sali di varia natura. Spesso sono sali di calcio, ma anche sali di acido urico (urati) o altri composti. Sono espressione di un processo infiammatorio cronico dove si creano le condizioni chimiche per la precipitazione di sali. E', quindi, un processo passivo, anisto: non mediato da cellule

Callo (tiloma)

Ipertrofia dell'epidermide, lo strato superficiale della cute, a volte ipertrofico per stress meccanico eccessivo dovuto a malformazioni congenite, a deformità acquisite degli arti oppure a conflitti con scarpe/accessori o ad abitudini lavorative

Callo osseo

Processo di riparazione dell'osso in seguito a frattura. E' caratterizzato da tre fasi successive: ematoma, fibrosi (callo fibroso), ossificazione primaria (callo osseo). Dopo la guarigione segue un processo di rimodellamento che porta alla restituzione di una morfologia e struttura sempre piu' vicina a quella originale. Nei bambini, nel cui scheletro in accrescimento i fenomeni di rimaneggiamento sono piu' accentuati, il rimodellamento puo' far scomparire in pochi mesi i segni della frattura

Mostra altri termini

callosità

vedi callo

callosita'

Vedi callo

camminare

Azione che indica l'attività di spostamento degli esseri viventi dotati di arti. Nell'Uomo è caratteristica la sequenza dell'appoggio alternativo dei due arti per cui l'appoggio nel cammino è su un piede solo, nella fase di stato l'appoggio è su due.

capsula articolare

Membrana costituita da robusto tessuto connettivo che avvolge l'articolazione come una cuffia. Contiene i capi articolari ossei, i legamenti, i menischi e la membrana sinoviale con funzioni di stabilizzazione meccanica e di protezione. E' innervata.

caviglia'

Articolazione tra tibia e astragalo a cui partecipa il malleolo peroneale. Consente i movimenti di flesso estensione del piede rispetto alla gamba.

Cervicalgia

dolore posteriore al collo spesso in sede vertebrale (da C1 a C7), ma a volte può rappresentare la proiezione a distanza di un'irritazione in altro organo o apparato (arco aortico, cuore, faringe, laringe, orecchio, mastoide, stretto toracico ecc.)

chirurgia

In greco significa "attivita' manuale" e dunque rappresenta la branca della Medicina dedicata alle terapie invasive mediante incisione dei tessuti o introduzione di strumenti nel corpo umano.

chirurgia percutanea

Chirurgia effettuata tramite piccoli accessi (ferite) con strumenti o mezzi di osteosintesi che, dopo aver attraversato la cute, vengono fissati all'osso.

chirurgia protesica

Chirurgia sostitutiva di parti interne del corpo con pezzi meccanici, elettronici o misti. Una volta sostituita la parte biologica del corpo malata, non e'piu' possibile ripristinarla. Una protesi se consumata o rotta di solito puo'essere sostituita.

colpo della strega

Parafrasi popolare per indicare la contrattura acuta della muscolatura paravertebrale lombare: v. blocco lombare

colpo di frusta

Perifrasi che descrive il movimento rapido e violento in flessione/estensione del rachide cervicale sottoposto a sollecitazioni della testa/tronco in rapidissima accelerazione/decelerazione che in realta' si esprimono nei tre piani dello spazio

compressione

Sollecitazione a cui è sottoposto un corpo che è soggetto a un sistema di forze convergenti, che si avvicinano cioe' al suo centro.

correzione frattura

Atto chirurgico cruento o incruento volto a ridurre o eliminare una deformità/deviazione di un'articolazione o segmento osseo

coxartrosi

Coxa significa anca, dunque artrosi dell'anca. Puo' essere primitiva/idiopatica quando da causa non conosciuta oppure secondaria a malformazioni, infezioni o patologie vascolari infantili oppure traumi.

Crociato

riferito al legamento crociato anteriore e a quello posteriore del ginocchio che al suo interno, appunto, si incrociano in corrispondenza nel suo punto di rotazione centrale

cuffia dei rotatori

Complesso muscolare e capsulotendineo costituito dalla capsula articolare scapolo-omerale, dai muscoli brevi o periarticolari della spalla(sopraspinoso, sottospinoso, piccolo rotondo e sottoscapolare)e dalle loro espansioni tendinee a guisa di cuffia

cuffia rotatori

Vedi cuffia dei rotatori.

deformità

Deformita' scheletrica e' la deviazione di un articolazione, di un segmento osseo o di un insieme di unita'di movimento dal loro asse anatomico

deformita' dolore

Errata corrige: voce da annullare

Difetti

Termone generico utilizzato in Ortopedia per indicare errori di sviluppo o morfologia dello scheletro e in Traumatologia per segnalare la perdita di sostanza ossea e/o delle parti molli in seguito a traumi maggiori degli arti.

dismetrie

Differenza di lunghezza di un arto rispetto a quello controlaterale

Disostosi (o displasia) cleidocranica

malattia autosomica dominante con grande variabilità di espressione consistente in ipoplasia/aplasia delle clavicole, mancata/scarsa ossificazione delle fontanelle del cranio, con conseguente fronte larga e corta. E' una malattia rara.

Displasia

1) Alterazione composizione cellulare di un tessuto che aumenta la sua proliferazione per stimolo fisico (meccanico/radioattivo), chimico, biologico (virus). A differenza di un tumore può tornare allo stato normale. 2) Alterazione sviluppo anatomico

Displasia femoro-rotulea

Alterazione della forma della rotula, dei condili femorali o di entrambe le componenti l'articolazione femoro-rotulea, a cui consegue un mal funzionamento dello scorrimento della rotula all'interno della gola intercondiloidea

dolore lombare

Vedi lombalgia.

Dorsalgia

dolore dorsale spesso dovuto ad una causa irritativa in sede vertebrale (da D1 a D12), ma a volte può rappresentare la proiezione a distanza di un'irritazione sita in altro organo o apparato (colecisti, esofago, stomaco, cuore, aorta toracica, ecc.)

DRG

Diagnosis Related Groups: complesso sistema isorisorse che ha dato origine a tante critiche, molto fondate, ma che in tutto il mondo ha contribuito da decenni a misurare la "produzione" di salute.

Edema

Abnorme accumulo di liquido interstiziale sieroso per un’alterazione dell’emodinamica capillare che favorisce lo spostamento di liquido dai vasi all’interstizio (spazio extravascolare), a sede diffusa o locale (tessuti molli o duri /v. M. di Sudeck)

Endoprotesi

Vedi protesi parziale. In genere riferita all'anca dove sostituisce la testa e il collo del femore essendo il cotile risparmiato

endortesi

Apparecchio di sostegno interno a livello di articolazioni (v. endortesi di Giannini) oppure di parti anatomiche (vedi spaziatori intervertebrali). A differenza delle protesi, non sostituisce l'articolazione o la funzione, ma ne migliora l'efficienza

Mostra altri termini

epicondilite

Infiammazione dell'inserzione dei tendini dei muscoli che si inseriscono sull' epicondilo dell'omero (v.gomito del tennista)

Epifisi

Parte estrema dell'osso che, nella sua porzione rivestita di cartilagine, si articola con l'osso contiguo. Nelle ossa lunghe sono presenti due epifisi alle estremita'e una diafisi al centro. Nei bambini sono separate dalle metafisi.

estensione

Movimento di apertura di un articolazione per allontanamento dei segmenti dell'arto intorno ad un'articolazione: ad es. nell'estensione del ginocchio la gamba si allontana dalla coscia

FAI

Acronimo di Femuro-acetabular impingement = Conflitto femoro-acetabolare

Fascia plantare

Struttura laminare di tessuto connettivo compatto nella pianta del piede tesa tra il calcagno e la base delle dita. E' un'aponevrosi leggermente arcuata (detta anche legamento arcuato) con funzioni di sostegno della volta longitudinale della pianta.

femore

osso lungo della coscia che si articola prossimalmente con il cotile e distalmente con la tibia. In AP è a forma di bastone di pastore in quanto il collo presenta una angolo di 130° circa

flessione

Movimento di chiusura di un articolazione per avvicinamento dei segmenti dell'arto intorno ad un'articolazione: ad es. nella flessione del ginocchio la gamba si avvicina alla coscia

Frattura

Lesione di un segmento osseo che può essere composta o scomposta, semplice o pluriframmentaria, chiusa oppure esposta, con o senza interessamento di una superficie articolare

fratture esposte

Fratture con esposizione all'esterno dello scheletro per interruzione di cute, sottocute, fascia e muscoli.

geodi

Area di riassorbimento osseo circolare, a volta a forma di lacuna, subito al di sotto della cartilagine articolare. E' un segno infiammatorio tipico dell'artrosi. L'Ortopedia ha preso in prestito il termine geode dalla Geologia

Ginocchio

Articolazione tra femore e tibia. Include la superfice articolare della rotula che, essendo un osso sesamoide incluso nel tendine quadricipitale, riveste solamente un ruolo ancillare.

gomito del tennista

V. Epicondilite

gonalgia

Dolore al ginocchio

gonartrosi

Artrosi del ginocchio

Impianto

Sinonimo di protesi articolare in ortopedia. Termine utilizzato anche in odontoiatria.

impingement

Parole inglese utilizzata per indicare una condizione di conflitto di una struttura anatomica quando compressa tra altre due contigue. Vedi l'impingement sub-acromiale(spalla), femoro-acetabolare(anca), tibio-astragalico(caviglia)

incidente

Evento traumatico in ambiente di lavoro, sulla strada, nello sport o in casa

instabilità

Definizione medica e non fisica. Perdita della normale stabilità di una articolazione per la perdita dei vincoli anatomici(= rapporti)che consentono il movimento. In realtà si dovrebbe distinguere tra equilibiro stabile, instabile e indifferente

Iperalgesia

Aumentata sensazione di dolore, spontaneo o provocato, in una determinata area del corpo

Isola di compatta ossea

Area di addensamento osseo (v.osteosclerosi) priva di significato patologico. In genere è rappresentata dall'addensamento dell'osso spugnoso all'interno dello spazio midollare senza rapporti architettonici con la struttura trabecolare circostante.

legamenti

E' una delle 5 componenti dell'articolazione. Può anche trovarsi in sede exrtarticolare. E' una struttura di tessuto connettivo compatto con capacità viscolelastiche che guida e consente i movimenti articolari contribuendo alla stabilità

Lesione osteoaddensanete

Vedi osteosclerosi

lesione osteolitica

Vedi osteolisi

liberazione

Tecnica chirurgica con cui si liberano strutture anatomiche da aderenze, cicatrici, compressioni e in genere da qualsiasi ostacolo meccanico che ne impedisca la funzione.In chirurgia vascolare indica anche la disostruzione di un vaso da un trombo

limitazione funzionale

riduzione dell'escursione articolare. Altro significato: riduzione della capacità funzionale di una parte del corpo (ed.es. monoplegia, emiparesi)

Lombalgia

dolore lombare spesso in sede vertebrale (da L1 a S1), ma a volte può rappresentare la proiezione a distanza di un'irritazione in altro organo o apparato (intestino, fegato, reni, aorta, plesso venoso pelvico ecc.)

Lussazione

Perdita completa dei rapporti tra i due capi di un'articolazione. La perdita dei rapporti puo' avvenire su 2 o su 3 piani dello spazio a seconda della lesione e rappresenta un' urgenza: va ridotta immediatamente per evitare lesioni neurovascolari

mal di schiena

Vedi lombalgia

malattia degenerativa

Malattia a lenta evoluzione con caratteri patologici di alterazione strutturale e morfologica del tessuto dell'organo o struttura colpiti e conseguente peggioramento della loro funzione. Hanno desinenza in -osi, ad es. artrosi, tendinosi, meniscosi

Male al collo

vedi cervicalgia

Mostra altri termini

Meniscale

Riferito al menisco (vedi), struttura articolare di tessuto fibroelastico

Menisco

Struttra anatomica fibroelastica tendenzialmente di tipo semilunare o areolare che si trova dentro l'articolazione con funzione di ridistribuzione e ottimizzazione della trasmissione dei carcihi

Meniscosi

Alterazione strutturale e morfologica del menisco in genere di tipo degenerativo

morton

Thomas G. Morton nel 1876 a Philadelphia descrisse la sindrome irritativa del nervo intermetatarsale,ma le alterazioni anatomopatologiche della "metatarsalgia di Morton" vennero per la prima volta osservate nel 1835 dall'anatomico pistoiese Civinini

movimento

Spostamento del corpo o di una parte di esso nei tre piani dello spazio

neurectomia

Resezione chirurgica parziale o totale di un nervo

Ortopedia

Dal greco "orthos pais", bambino diritto, e' la branca chirurgica della medicina che cura le malattie muscoloscheletriche nei bambini e negli adulti. Si occupa anche della prevenzione delle deformita’con la diagnosi precoce e il trattamento ortesico.

Ortostatico

Posizione eretta del corpo o di una parte; opposto di clinostatico: posizione supina o prona

ossa

Elementi costitutivi dell'apparato scheletrico. Sono distinte in ossa piatte e ossa lunghe.

Ossificazione

Processo attraverso cui il mesenchima embrionario diventa osso. Si distingue una modalità intramebranosa, diretta e una encondrale, indiretta. Nel primo caso avviene la formazione di ossa brevi e ossa piatte e della mandibola, ossa senza funzione di sostegno. Nel secondo si formano leosse lunghe, che hanno , invece, funzione di sostegno

Osteoartrite

Termine desueto utilizzato al posto di artrosi e del meno usato osteoartrosi. Traduzione grossolana del termine inglese osteoarthritis

Osteoartrosi

Malattia degenerativa della cartilagine in fase avanzata che coinvolge la lamina subcondrale e l'osso sottostante

Osteoblasto

Cellula progenitrice del tessuto osseo dedicata alla costruzione delle fibre e della matrice

osteoclasi

Riassorbimento osseo di matrice minerale e organica da parte di cellule, gli osteoclasti, ad andamento lacunare (opp. osteosintesi/diff. alisteresi)

Osteoclasto

Cellula del tessuto osseo dedicata alla distruzione delle fibre e della matrice.

Osteocondrosi

Processo degenerativo sia dell'osso che della cartilagine in accrescimento. Di solito si utilizza per descrivere alterazioni di crescita e maturazione delle ossa nei bambini e adolescenti in eta' evolutiva.

Osteodistrofia

Alterazione della quantita' e/o della qualita' dell'osso. Termine generico di per se' privo di significato in quanto a volte riferito a malattie della forma, altre a malattie della struttura dell'osso

Osteofita

Formazione ossea iuxtarticolare a uncino/becco, come tentativo dell'articolazione infiammata di allargare la superficie di carico. Segno di artrosi avanzata

osteofitosi

Processo degenerativo articolare caratterizzato dalla presenza di numerosi osteofiti (v.osteofita)

Osteogenesi

Formazione di osso perfetto da parte delle cellule progenitrici, gli osteoblasti, cellule secernenti sia le fibre che le glicoproteine della matrice

Osteogenesi imperfetta

Formazione di osso non perfetto da parte delle cellule progenitrici, gli osteoblasti, cellule secernenti sia le fibre che le glicoproteine della matrice; anomalia della sintesi del collagene di tipo 1 a carico di ossa, cartilagine, denti, orecchie e occhi

Osteolisi

Rarefazione patologica dell'osso possibile in processi infiammatori, vascolari o tumorali. Termine anatomopatologico usato anche in radiologia.

Osteomalacia

Riduzione sistemica della qualità dell'osso

Osteomielite

Infezione dell'osso. Puo' avvenire in seguito a fratture esposte oppure per malattie metaboliche, infettive, vascolari e/o stati di immunodepressione

Osteonecrosi

Necrosi ossea esito di processi di ischemia fino alla de-vascolarizzazione dell'osso. Sul piano istologico si evidenzia una sclerosi dell'osso che radiologicamente si manifesta come addensamento

Osteopatia

1. Termine generico per indicare malattia dell'osso: non ha relazione con nessuna patologia specifica. 2. Disciplina medica alternativa fondata sul trattamento di disfunzioni fisiologiche mediante manipolazioni del corpo

Osteopenia

Riduzione sistemica della quantità di osso al di sotto della norma. Non si tratta ancora di osteoporosi perchè non sono ancora presenti fratture di nessun tipo.

Osteoporosi

Riduzione sistemica importante della quantità di osso con alto rischio di fratture o con fratture in atto.

Osteosclerosi

Addensamento della struttura dell'osso per l'ipertrofia delle trabecole possibile in processi infiammatori, vascolari o tumorali. Termine anatomopatologico usato anche in radiologia per indicare un'aumentata densita' dell'osso nelle immagini.

Osteosi

Termine generico che indica un processo degenerativo dell'osso. Non so tratta, dunque, di un processo infiammatorio acuto.

Mostra altri termini

osteosintesi

Apposizione ossea di matrice minerale e organica da cellule, gli osteoblasti, in periferia fino a chiudersi in lacune come osteociti (opp. osteclasi)

osteosintesi chirurgica

Fissazione ossea di due versanti di un segmento osseo diviso in seguito a fratture, pseudoartrosi oppure ad osteotomie per correzione di deformita'

pianificazione

Vedi planning

planning

Programmazione dell'intervento chirurgico. Comprende la preparazione preoperatoria del paziente, l'organizzazione della sala operatoria(materiali/strumentario/macchine diagnostiche-operatrici/personale) e il disegno/misura sugli es.Rx dell'intervento

protesi monocompartimentale

Articolazione meccanica artificiale che sostituisce una parte/compartimento di un'articolazione biologica

protesi totale

Articolazione meccanica artificiale che sostituisce totalmente un'articolazione biologica. Può essere rigida,semirigida o elastica ed essere costituita di materiali diversi (metallo, plastica, ceramiche ecc.)

Registro tumori

Organizzazione per la raccolta, archiviazione, analisi e interpretazione dei dati relativi ai soggetti affetti da neoplasia (Muir et al., 1985)

Sclerosi ossea

Vedi osteosclerosi

sclerosi sub condrale

Addensamento osseo sotto la cartilagine articolare per ipertrofia delle trabecole ossee sottostanti la lamina sub condrale: segno iniziale di artrosi

Scoliosi

Malattia deformante evolutiva del rachide nei tre piani dello spazio con interessamento della gabbia toracica e ad espressione prevalente nel sesso femminile ed esordio più frequente in eta' prepuberale. Il trattamento varia con la classificazione.

SDO

La SDO per la normativa italiana è parte integrante della cartella clinica e rappresenta la fonte informativa per la versione 24 dei DRG (Diagnosis Related Groups), l’attuale sistema di classificazione dei ricoveri ospedalieri.

Sintesi

In senso ortopedico significa osteosintesi (vedi). In senso biochimico significa la costruzione da parte di organi e o apparati di molecole complesse a partire da elementi semplici come zuccheri, aminoacidi e grassi.

spalla

Articolazione scapolo-omerale

Sublussazione

Alterazione parziale, transitoria o permanente, della posizione di un capo articolare rispetto a quello contiguo, ma con rapporti anatomici conservati tra i due capi . Non e' un' urgenza in quanto non vi sono compressioni/trazioni su nervi e/o vasi.

tamponamento

Tecnica di emostasi meccanica per arrestare un sanguinamento.In ortopedia/traumatologia è il controllo per compressione del sanguinamento delle ferite, dell'osso e, nelle lesioni dell'anello pelvico,del retroperitoneo, zaffandone lo spazio(v.packing)

Tetraparesi

Paralisi incompleta dei quattro arti dovuta ad una compressione midollare cervicale da frattura oppure a patologie infiammatorie, degenerative, settiche o neoplastiche.Può anche essere espressione di un quadro di danno cerebrale da ischemia/emorragia

Tetrapelgia

Paralisi completa dei quattro arti dovuta ad una compressione midollare cervicale da frattura oppure a patologie infiammatorie, degenerative, settiche o neoplastiche.Può anche essere espressione di un quadro di danno cerebrale da ischemia/emorragia

Tiloma

Vedi callo

trazione

Sollecitazione a cui è sottoposto un corpo che è soggetto a un sistema di forze divergenti, che si allontanano cioe' dal suo centro

valgismo

Deviazione verso l'esterno di un arto per incremento dell'angolo articolare interno (intersegmentaria) . Puo' essere riferito anche a una deformita’ intrasegmentaria

varismo

Deviazione verso l'interno di un arto per aumento dell'angolo articolare esterno (intersegmentaria) . Puo' essere riferito anche a una deformita’ intrasegmentaria

Mostra altri termini

Visualizza tutto il glossario medico

Eventi e congressi

Diretta seminario "I tumori in età pediatrica"
28/03/2012 COMO (CO) - Oncologia medica
Visto 500 volte
Trauma Update
08/04/2011 ROMA (RM) - Ortopedia
Visto 1.291 volte

Informazioni professionali

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1978 presso Università Cattolica del S. Cuore. Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma.

Verifica dati su FNOMCeO.it »

Note e interessi

Traumatologia pediatrica e dell'adulto
Chirurgia vertebrale pediatrica e dell'adulto
Medicina 2.0

Curriculum vitae

CURRICULUM VITAE 
Il Dr. Antonio Valassina lavora come Ricercatore confermato e Professore Aggregato presso l'Istituto di Clinica Ortopedica dell'Universita' Cattolica di Roma.
- Specializzato in Chirurgia Vascolare presso l'Università Cattolica di Roma nel 2002 sotto la direzione del prof. Francesco Snider
- Specializzato in Ortopedia e Traumatologia nel 1981, presso l'Universita' di Firenze, sotto la direzione del Prof. G. Stringa.
- Dal giugno 1988 al maggio 1996...

Leggi tutto

contrattista come MIUCA presso l'Istituto di Clinica Ortopedica dell'Università Cattolica di Roma diretto dal prof. G.Fineschi
- Dall'aprile 1978 al maggio 1988 medico volontario interno dell'Istituto di Clinica Ortopedica dell'Università Cattolica di Roma diretto dal prof. G.Fineschi
- Abilitazione alla professione medica conseguita nell'aprile 1978 presso il Policlinico A. Gemelli di Roma
- Nel 1979-1980 ha assolto agli obblighi militari di leva nel Corpo degli Alpini come soldato semplice, regione Nord-Ovest
- Tirocinio pratico obbligatorio in Ortopedia di 6 mesi (ottobre 1978-aprile1979) presso il reparto di Traumatologia del Policlinico A. Gemelli di Roma
- Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1978 presso l'Università Cattolica di Roma
- Diploma di Liceo Classico presso l'Istituto Salesiano Valsalice di Torino nel 1971
- Nato a Sanremo (IM) nel 1952.
-----------------------------------------------------------------
Ha trascorso periodi di studio e ricerca presso altre sedi, tra cui:
- Parigi (1985) :
+ Centre medico-chirurgical de la porte de Choisy diretto dal  prof. Emile Letournel
 + Clinica ortopedica dell'Ospedale Universitario "La Pitiè", diretta dal prof. R.Roy-Camille
In seguito a tale soggiorno il prof. R.Roy-Camille ha accettato la candidatura del dott.Valassina come "résident etranger" per la durata di un anno.
- Marsiglia (1987): Centro di Ortopedia dell'Hospital Dieu di Marsiglia, diretto dal prof. René Louis,
- Montpellier (gennaio-aprile 1991): servizio di Ortopedia dell'Hopital "La Peyronie" di Montpellier, diretto dal prof. Jacque Vidal, collaborando all'attività clinica e di ricerca, con un progetto sperimentale originale dedicato allo studio del coinvolgimento della muscolatura del rachide nell'ambito dell'evoluzione delle malattie neuromuscolari.
- Boston (1992): nell'aprile del 1992 trascorre un mese nel Centro di Ortopedia del Beth Israel Hospital a Boston, diretto dal prof. Augustus A.White
- New York (1993): ha visitato per una settimana, dal 14-6-93 al 20-6-93 lo Spine Center dell’ Hospital For Joint Diseases Orthopaedic Institute di New York diretto dal prof. Michael G.Neuwirt
- Kansas City (1993):  dal 5 maggio al 13 luglio 1993 ha frequentato lo Spine Center del Kansas Medical Center di Kansas City, Kansas, diretto dal prof. Marc Asher
- Buffalo: dal 15 gennaio al 15 marzo 1994 ha frequentato lo Spine Center del Buffalo General Hospital a Buffalo City, New York, diretto dal prof. Edward H.Simmons
Attualmente si occupa in Ortopedia della chirurgia del rachide e in Traumatologia dei grandi traumi e della Traumatologia pediatrica. Segue in particolare i traumo scheletrici con danno vascolare, con particolare riguardo alle fratture esposte ed alla conversione da fissazione esterna a osteosintesi interna.
- ATST  e Istruttore corsi ATST
- ATLS e Idoneità a istruttore corsi ATLS
-----------------------------------------------------------------
Il Dr. Antonio Valassina ha pubblicato oltre 60 lavori su riviste scientifiche internazionali e nazionali.
Membro di numerose Societa' Scientifiche, sia internazionali che nazionali, tra cui:
-IRSSD (International Research Society of Spinal Deformity),
- SIOT (Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia)
- AAOS (American Academy of Orthopaedic Surgeon)
- SICV (Società Italiana di Chirurgia Vertebrale -GIS)
-----------------------------------------------------------------
Ha vinto il premio SICOT Award per il miglior lavoro scientifico europeo al Congresso Mondiale di Ortopedia 1996: "Vertebral Changes Secondary to Abdominal Aortic Aneurysms: Review of 250 cases.   A 3-D analysis and classification" 
 SICOT Award al Congresso mondiale di  Ortopedia SICOT  1996 ad Amsterdam  (Premio di 1500 $ per il migliore lavoro)
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Il dott. Valassina, nel corso dell'attività come ricercatore, presso l'Istituto di Clinica Ortopedica dell'Università Cattolica del S. Cuore di Roma:
- assiste studenti e medici specializzandi in Ortopedia nella compilazione delle Tesi di laurea e di Specializzazione.
- cura la formazione clinica e chirurgica dei medici specializzandi, durante l'attività di Reparto, di Sala Operatoria, di Ambulatorio e di Pronto Soccorso.
- assiste, nell'ambito del tirocinio obbligatorio post-laurea, i medici neo-laureati durante le esercitazioni di Pronto Soccorso.
- assiste gli studenti del Programma Erasmus
- è stato docente di Fisiologia dell’apparato muscoloscheletrico presso il corso di laurea breve in terapia fisica e della riabilitazione del S.Filippo Neri di Roma anni di corso 2006-2007 e 2007/2008
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia al Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia 2015-2016: + Malattie dell’Apparato Locomotore nel 4’ anno di corso + Malattie dell’Apparato Locomotore tirocinio professionalizzante VII nel 4’ anno di corso
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia al Corso di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia 2015-2016
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia al Corso di Specializzazione in Chirurgia Vascolare 2015-2016
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia al Corso di Specializzazione in Medicina d’Urgenza 2015-2016
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia nel Corso di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione 2015-2016
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia al Corso di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica 2015-2016
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia nel Corso di Specializzazione in Medicina dello Sport 2015-2016
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia al Corso di Specializzazione in Chirurgia Generale 2015-2016
- e’ docente di Ortopedia e Traumatologia al  Master in Terapia Intensiva Pediatrica 2015
 

Sito web

Attività su Medicitalia

Il Dr. Antonio Valassina è specialista di medicitalia.it dal 2008.

È referente scientifico di medicitalia.it per la specializzazione di Ortopedia.

Elenco specialisti referenti d'area