La terapia immunitaria che si effettua tramite iniezioni sottocutanee è molto efficace per ridurre I sintomi e modificare il decorso della rinite e dell’asma su base allergica , ma chiaramente presenta il limite della necessità di effettuare iniezioni ravvicinate, con il rischio neanche troppo trascurabile di reazioni anafilattiche.

Per evitare tale problema in Europa molti allergologi hanno adottato la terapia sublinguale , negli USA molti specialisti ricorrono all’uso di estratti acquosi degli antigeni, che sarebbero stati confezionati per la terapia sottocutanea, quindi somministrandoli con una metodica chiamata of-label, cioè non prevista.

E’ stata eseguita una review di 63 studi randomizzati, con braccio placebo, che comprendevano 5131 bambini e adulti affetti da rinite allergica e asma.

Dallo studio è risultata l’efficacia per quanto riguarda la gestione dell’asma , mentre più moderati sono stati  i risultati nei confronti di riniti e congiuntiviti.Sono state evidenziate reazioni locali come prurito del cavo orale e punzecchiature , ma non si sono mai manifestate reazioni anafilattiche

 

Il commento a questo articolo:

La terapia sublinguale è efficace ma non può essere effettuata off-label con prodotti concepiti per uso sottocutaneo, lo specialista allergologo ha oggigiorno varie possibilità di somministrare il farmaco e la terapia sublinguale offre una valida alternativa

 

Bibliografia: