Il cloruro di polivinile, noto anche con il corrispondente acronimo PVC, è una delle materie plastiche più utilizzate al mondo.

Puro, è un materiale rigido e deve la sua versatilità applicativa alla possibilità di essere miscelato, anche in proporzioni elevate, a prodotti plastificanti, quali ad esempio gli esteri dell'acido ftalico, che lo rendono flessibile e modellabile.

Tra gli ftalati più utilizzati in numerosi processi industriali per ottenere questa flessibilità si deve ricordare il di(2-etilesil) ftalato (acronimo DEHP).

E’ già noto che gli ftalati posso fare danni agli spermatozoi riducendo così in modo significativo la fertilità di un uomo.

Questo nuovo lavoro scientifico ha considerato un campione particolare di maschi, cioè 45 operai di Taiwan impiegati nella lavorazione di PVC e in ambiente ad alta concentrazione di DEHP.

Sono state valutate tutte le possibili associazioni tra le diverse concentrazioni di questo ftalato nell’aria, prelevata dagli impianti industriali presi in considerazione, e le eventuali alterazioni del numero, della motilità e della morfologia degli spermatozoi, oltre che dell'integrità del loro DNA.

Gli operai sono stati suddivisi in diversi gruppi di esposizione in base ai livelli di DEHP rilevati negli ambienti valutati.

In sintesi si è osservato che nel gruppo di lavoratori ad alta esposizione, dove i valori medi del DEHP erano quasi 300 volte superiori rispetto ai livelli registrati nella popolazione generale degli Stati Uniti, si aveva un aumento importante della tendenza alla denaturazione del DNA, dell'indice di frammentazione del DNA (DFI) e alla riduzione della motilità degli spermatozoi.

Si tratta in sostanza di una prima e significativa dimostrazione della stretta correlazione esistente tra concentrazioni di DEHP nell'aria e effetti avversi sulla fertilità maschile.

Nostra considerazione: dato l'ampio uso di prodotti che contengono tali sostanze chimiche in tutto il mondo, potrebbe essere utile ora trovare il modo di studiare anche nei normali ed usuali fruitori di tali prodotti la loro eventuale ed effettiva tossicità.

 

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=Huang%20LP%2C%20Lee%20%20Steril.%202011%3B96%3A90-4.%20

Per approfondire:

http://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/1083/Idrocarburi-policiclici-pesticidi-metalli-e-fertilita-maschile

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html