Ho recentemente letto un libro molto interessante e particolare, scritto da Claudia Bordese dal titolo curioso: "Sesso selvaggio. Quando ad amare è la natura".

In estrema sintesi questo libro è un preciso "excursus scientifico", non la solita raccolta di curiosi aneddoti, sulla vita erotica di molti animali.

Leggendo il libro ci si accorge che c’è molto da imparare dai nostri amici, soprattutto perché questi ci portano a meglio conoscere la nostra vera natura animale, alla luce della quale molti nostri comportamenti trovano spiegazioni inaspettate.

Ad esempio molti di noi pensano che il sesso "selvaggio" degli animali sia sempre e solo indirizzato alla procreazione mentre in realtà, anche se l’obiettivo principale resta quello, esiste tutta una vasta gamma di comportamenti che non hanno niente a che fare con l’intenzione di mettere al mondo dei figli.

Si scoprono inoltre che alcune abitudini, spesso considerate “contro natura”, come l’omosessualità, sono assai diffuse nel mondo animale, ad esempio tra i bonobi il fare sesso con individui dello stesso genere viene utilizzato per risolvere conflitti all’interno dei vari gruppi; ci sono poi animali che cambiano sesso, che si travestono, che si prostituiscono, ecc.

Dal libro infine, un pò esagerando, sembra che i veri trasgressori, anche nel mondo animale, siano i monogami che in natura sono in netta minoranza ed infatti solo il 10% delle specie mette in pratica questo "comportamento sessuale".