A cosa serve uno spermiogramma?

Forse a niente!

 

Questa non è una notizia dell’ultima ora o dell’ultimo minuto, e nemmeno dell’ultimo mese o dell’ultimo anno, ma è l’epilogo (?) di una storia antica dell’uomo e della sua battaglia coi numeri, con la vittoria, per autogol, dell’uomo.

Che il 15% delle coppie con esami per la fertilità normali (infertilità non spiegata) non riuscisse a concepire è cosa saputa da un bel po’ di tempo, che il 40% dei babbi avesse spermiogrammi dall’alterato all’orrido è cosa altrettanto risaputa. Ricerche recenti hanno indicato che nella metà o poco più di coppie infertili con infertilità non spiegata vi sono alterazioni del patrimonio genetico nucleare o mitocondriale degli spermatozoi. In tal modo si spiega, coi numeri, una presuntiva responsabilità maschile. Il numero vinceva.

Ed ora gli autogol.

Quella frangia di popolazione affetta da infertilità inspiegata aumenta in corso di eventi stressanti (crisi finanziare, guerre, insurrezioni, disordini) e diminuisce brutalmente in corso di blackout elettrici prolungati (in mancanza di tele, meglio il sesso) e ferie dal lavoro. Allo stesso modo nei soggetti maschi di queste coppie aumentano o diminuiscono (in maniera del tutto concorde) le alterazioni del patrimoni genetico nucleare o mitocondriale spermatico. E’ dal secolo scorso che gli etologi che gli animali tendono a riprodursi in periodi non stressanti. E gli animali numeri non ne conoscono.

fertilitàMa tutto questo potrebbe spiegarsi, anche se malamente, con la biochimica dello stress e la facilità di far partire una televisione piuttosto che una donna.

Ma il secondo e più brutale autogol del numero è stata l’individuazione di una grandezza: la fertilità residua. Per fertilità residua si intende la probabilità residuale di concepire naturalmente dopo periodo di ricerca figli. Tanto più lunga è la ricerca figli, tanto più si abbassa la fertilità residua. Non è un gran concetto, lo capisce anche un medico. Grande concetto proprio sì invece, poiché la fertilità residua è in grado di influenzare in maniera veramente critica le coppie infertili per fattore (responsabilità) maschile. Per facilità riassumerò così i risultati.

130 maschi infertili con spermiogramma alterato vengano sottoposti a terapia, 100 migliorano lo spermiogramma. Il 40% induce gravidanza se cercava figli da 1 anno, il 25% induce gravidanza se cercava figli da tre anni, e solo l’11% induce gravidanza se cercava figli da 5 anni.

Conclusioni: il numero conta poco, la sua interpretazione conta di più. Meglio fidarsi di un bravo medico, che degli intervalli di riferimento riportati fra parentesi sui fogli degli esami o su internet.

 

Bibliografia

Al-Ghazo MA, Ghalayini IF, al-Azab RS, Bani-Hani I, Daradkeh MS. Does the duration of infertility affect semen parameters and pregnancy rate after varicocelectomy? A retrospective study. Int Braz J Urol. 2011 
Nov-Dec;37(6):745-50. PubMed PMID: 22234009.