ipogonadismoL'ipogonadismo è definito come diminuzione dei livelli di testosterone negli uomini. L'ipogonadismo può essere accompagnato da disfunzione erettile, orgasmica ed eiaculatoria.

 

Lo studio riportato in bibliografia si prometteva di valutare se il trattamento con soluzione di testosterone al 2% (testosterone) potrebbe migliorare la funzione eiaculatoria in una coorte di uomini ipogonadici.

 

METODI:

Uomini sessualmente attivi, ipogonadici di almeno 18 anni (testosterone totale <300 ng / dL) sono stati randomizzati a ricevere testosterone o placebo per 12 settimane.

 

PRINCIPALI MISURE DI RISULTATO:

Gli effetti del testosterone sugli esiti primari sono stati valutati utilizzando l'International Index of Erectile Function (IIEF) e il Questionario sulla salute sessuale maschile, Questionario sulla disfunzione eiaculatoria, Short Form (MSHQ-EjD-SF). Le differenze di trattamento sono state calcolate utilizzando l'analisi della covarianza.

 

RISULTATI:

In totale, 715 uomini (età media = 55 anni) sono stati randomizzati a placebo (n = 357) o testosterone (n = 358). La maggior parte degli uomini sessualmente attivi che hanno riportato i punteggi IIEF presentavano un certo grado di disfunzione erettile (punteggio della funzione erettile IIEF <26). Sebbene il punteggio della funzione eiaculatoria (MSHQ-EjD-SF) sia migliorato nel gruppo testosterone rispetto al placebo (P <.001), il miglioramento sull'elemento "fastidio" non ha raggiunto la significatività statistica. Gli eventi avversi correlati al trattamento nel gruppo del testosterone che hanno colpito almeno l'1% dei pazienti sono stati aumento dell'ematocrito, infezione del tratto respiratorio superiore, artralgia, sensazione di bruciore, affaticamento, aumento dell'antigene prostatico specifico, eritema e tosse. Pochi pazienti in entrambi i gruppi di trattamento hanno sviluppato almeno un evento avverso che ha portato alla sospensione (testosterone = 1,98% vs placebo = 3,09%; P =. 475).

 

CONCLUSIONE:

Gli uomini ipogonadici che ricevono la terapia con il 2% di soluzione di testosterone sperimentano un miglioramento significativamente maggiore nella funzione eiaculatoria, rispetto al placebo, come valutato dal MSHQ-EjD-SF. Tuttavia, il miglioramento del "fastidio" non era statisticamente differente tra i due gruppi. La terapia con testosterone è stata generalmente ben tollerata.

 

CONCLUSIONI PERSONALI:

prendiamo sempre con le dovute precauzioni e non eccessivi entusiasmi le pubblicazioni che vengono proposte, chiaramente la scienza prosegue in questo modo con idee tentativi e verifiche, ma prima di intraprendere una strada terapeutica chiaramente servono numerosissime validazione scientifiche.

In questo lavoro si potrebbe anche considerare la componente psicogena, ossia spesso l’eiaculazione precoce è anche un segno un segnale di un disagio erettile. Quindi di riflesso un miglioramento della libido e della risposta erettile durante trattamento con testosterone potrebbe chiaramente riflettersi positivamente sul disagio eiaculatorio.

 

J Sex Med. 2016 Aug;13(8):1220-6. doi: 10.1016/j.jsxm.2016.05.012.

Impact of Testosterone Solution 2% on Ejaculatory Dysfunction in Hypogonadal Men.

Maggi M1, Heiselman D2, Knorr J3, Iyengar S3, Paduch DA4, Donatucci CF3.