Il frenulo linguale è un piccolo filamento che connette la lingua al pavimento della cavità orale. Quando il frenulo linguale è talmente breve da limitare i movimenti della lingua, si parla di frenulo linguale corto o anchiloglossia. Si tratta di una condizione congenita che si manifesta nel 5% dei neonati, con maggior frequenza nel sesso maschile. Tale anomalia si può presentare con diversi gradi di severità.

           

Tipo

Punto di inserzione superiore

Punto di inserzione inferiore

Caratteristiche del frenulo

I

Apice della lingua

Margine alveolare

Spesso sottile, può essere elastico

II

2-4 mm dietro l’apice della lingua

Sul margine alveolare o immediatamente al di dietro

Spesso sottile, può essere elastico

III

Parte mediana della lingua

Parte mediana del pavimento della bocca

Di solito un po’ più spesso, più fibroso, inelastico

IV

Sottomucosa

Pavimento della bocca alla base della lingua

Di solito spesso, fibroso, inelastico

 

Nelle forme lievi, il bambino si presenta asintomatico e molto spesso il difetto può risolversi spontaneamente con la crescita. Nelle forme gravi, invece, il frenulo linguale è talmente corto da ostacolare l’allattamento al seno per la difficoltà del neonato ad attaccarsi al seno in maniera appropriata, con conseguente irrequietezza e calo ponderale nel bambino, e dolori al seno, ragadi al capezzolo e successive mastiti per la mamma.

Nel sospetto di anchiloglossia, è sempre necessaria una valutazione chirurgica. La diagnosi è esclusivamente clinica e consiste nel valutare la lunghezza del frenulo linguale, il punto di inserzione, la capacità di protrudere o sollevare la lingua e l’aspetto della lingua. Nei bambini con frenulo linguale corto è caratteristico l’aspetto della lingua “a cuore” o biforcuta, che si può apprezzare facendo protrudere la lingua.

                

Nei neonati con difficoltà all’allattamento la terapia è chirurgica (frenulotomia linguale). La frenulotomia permetterà di rendere efficace la poppata e di migliorare il comfort materno.

L’intervento viene eseguito in regime ambulatoriale ed è di breve durata. Nella prima settimana di vita la frenulotomia linguale può essere eseguita con una forbice chirurgica, mentre successivamente è necessaria una sedazione e l’utilizzo di un bisturi elettrico. Non sono necessari punti di sutura. Sebbene la procedura sia semplice, è opportuno che l’intervento venga eseguito da personale esperto (chirurgo pediatrico, chirurgo maxillo-facciale o otorinolaringoiatra) per evitare dei sanguinamenti per accidentale lesione della vena profonda della lingua o lesioni a carico del dotto di Wharton (dotto escretore della ghiandola salivare sottomandibolare).

A seguito dell’intervento, i neonati possono riprendere immediatamente l’alimentazione al seno mentre nei bambini più grandi è indicato un’alimentazione semiliquida e a temperatura ambiente per le successive 24-48 ore.