Nei trattamenti di Chirurgia Estetica di liposuzione sempre più spesso non ci limitiamo ad asportare il grasso in eccesso in questa o quella zona del corpo. Al contrario, alla luce di un concetto moderno di tridimensionalità del corpo umano, cerchiamo di intervenire sempre di più con il  rimodellamento delle varie aree, ridefinendo i contorni proprio grazie alla possibilità di asportare gli eccessi e riempire i difetti (liporistrutturazione). Eccezionale scoperta clinica è stata infine  quella di aver trovato cellule staminali multipotenti  all’interno del grasso aspirato (Rigotti, 2007). Queste cellule conservano dalla nascita la possibilità di differenziarsi in tutti  i tessuti del corpo umano (vasi sanguigni, cartilagine, osso, ecc.) in particolare  se  si trovano i condizioni di scarso trofismo, come nei tessuti cicatriziali o irradiati, oppure ulcere. Grazie a questi risultati sperimentali e clinici, oggi siamo in grado di utilizzare il lipofilling praticamente in tutto il corpo umano non solo con finalità riempitive o ristrutturative ma anche con l’obiettivo senz’altro più  ambizioso  che è quello  della rigenerazione tessutale.

Dott. Claudio Bernardi  

Chirurgia Plastica