Vox Populi , Vox Dei.

E' una frase latina che indica come un fatto conosciuto a livello popolare possa certamente avere un reale fondamento.

E in effetti  l'associazione tra l'evento stressante causato dall'esame scolastico e la comparsa di "brufoli" ha un discreto credito a livello del comune sentire.

Ma per tanti anni non vi erano state evidenze scientifiche a supporto , tantochè buona parte della classe medica la aveva etichettata come  non provata o si erano cercati solo by-pass psicologici, più o meno fondati.

Negli ultimi anni invece sono stati fatti studi , specialmente da ricercatori britannici, che tendono a sottolineare come invece esista un substrato scientifico, dimostrabile e classificabile.

L'acne, patologia a eziologia multifattoriale, riconosce tra le sue cause  anche una ipersensibilità delle ghiandole sebacee .

Lo stress aumenta il livello di glicocorticoidi ,androgeni ed altri ormoni tra cui adrenalina, nel sangue e a livello tissutale. Questi  sembrano influenzare il sistema cellulare a vari livelli causando alla fine una condizione infiammatoria della pelle per una stimolazione della unità pilo-sebacea

Quindi lo stress può intervenire effettivamente recando danni  su una pelle "predisposta", diciamo già portata all'acne.

Attenzione dunque al temuto "brufolone" da esami: ragazzi, potrebbe essere dietro l'angolo!