E' un dato di fatto che i rapporti sessuali aumentino nei mesi estivi all'interno della popolazione generale; con l'aumento di questo dato, fisiologico, si notifica una maggior propensione anche ai rapporti promiscui sia eterosessuali che omosessuali.

Non è nostro compito addentrarci nei meccanismi che evocano tale situazione, ma ci preme sottolineare un dato che spesso raccogliamo anamnesticamente durante la verifica di una Malattia Sessualmente Trasmissibile in un paziente.

 

Il rapporto promiscuo, quello cioè consumato con un partner poco o nulla conosciuto, spesso in modo occasionale, è pericolosamente e purtroppo spesso NON PROTETTO.

 

Questo tipo di rapporto, ovvero quello non protetto da dispositivo profilattico, è quello a più elevato rischio per le MST. Il Profilattico - ancora oggi - è vicario della miglior protezione contro le malattie sessuali, in primis HIV, Gonorrea ed uretriti non gonocciche, Chlamidia; lo stesso dispositivo abbatte, sebbene non completamente, la frequenza di presentazione di altre patologie sessuali quali Sifilide, Herpes genitalis, condilomatosi da infezione HPV.

 

Quindi in questo caldo periodo di ferie ove la promiscuità sessuale - soprattutto in questa ultima decade sta divenendo un fenomeno collettivo, se non addirittura una moda, cerchiamo di utilizzare il profilattico, affinché non diventi il mese della preoccupazione e della Malattia Sessuale da combattere.