E' un sintomo molto comune: la Dispareunìa, ovvero il dolore all'atto sessuale.

Questa fenomenologia, tutta femminile, può causare nelle pazienti affette, un grave impedimento nella vita sociale e relazionale e può comportare la completa astensione dai rapporti sessuali.

La storia delle pazienti affette da dispareunìa racconta solitamente 2 tipologie di insorgenza:

1. Una dispareunìa improvvisa ed acuta 

2. dispareunìa a lenta e progressiva insorgenza 

Pertanto, anche la sola raccolta anamnestica della storia clinica della paziente, può orientare lo specialista nei confronti di dissimili condizioni.

Nel primo caso, possono essere riconosciute  (al netto delle condizioni psico e neurosensoriali scevre da cause organiche capitolo da comprendere nella diagnosi, ma che la visita esclude in caso di patologie vulvo-vaginali) nel computo delle diagnosi differenziali, situazioni di natura infettiva o infiammatoria acuta come ad esempio:

- vulvo vaginiti batterico micotiche

- vulvo vaginiti erpetiche

- dermatiti o mucositi acute dell'area vulvare

- situazioni infiammatorie pelviche

nel secondo caso invece, il sintomo insorge in maniera più subdola, progredendo in modo più lento ed intgravescente.

Spesso la paziente, può denunciare un fastidio iniziale alla penetrazione, che può causare nel tempo l'impossibilità al mantenimento del rapporto sessuale.

anche i segni clinici possono differenziarsi in base al tipo di insorgenza dei sintomi:

In caso di sintomi acuti è possibile la prevalenza di 

1. Edema dei tessuti (gonfiore locale)

2. Arrossamento delle mucose

3. Secrezione

In caso di sintomi cronici sono maggiormente presenti i seguenti segni

1. Secchezza vulvare

2. Atrofia o ipercheratosi

3. Fissurazioni e ragadi

in tal caso le patologie che debbono essere escluse, appartengono in primis al corollario delle dermatosi croniche vulvari, che comprendo diverse patologie, in cui spicca per frequenza di insorgenza, il Lichen scleroatrofico oltre a diverse altre condizioni (psoriasi, Lichen ruber planus, neurodermiti, ed altre forme più rare)

sempre utile per la donna affetta da dispareunìa rivolgersi al proprio specialista dermovenereologo di fiducia al fine di chiarire ed eslcudere le tante possibilità diagnostiche e per reperire una terapia causale adeguata e specifica al caso.