Lo Spironolattone è una sostanza che ogni tanto torna alla ribalta per indicazioni dermatologiche, generalmente per via locale. La sua utilità nell'acne, nella alopecia androgenetica e nella seborrea sembra assodata, ma da sempre ha stentato ad essere presente sulla "penna " dei dermatologi principalmente per il suo odore mefitico un pò ...da "fogna"(!) e secondariamente per un certo potere irritante.

Si tratta di un potente antiandrogeno, che va ad agire in maniera competitiva verso il diidrotestosterone, a livello del recettore citosolico della cellula bersaglio.

Il risultato spesso è veramente soddisfacente, se correttamente usato.

Dato localmente non si misurano livelli sierici aumentati; pare quindi che il suo assorbimento si fermi a livello del derma.

Sembrerebbe utile recuperare l'uso di questa sostanza, per lo meno localmente, magari includendola in preparazioni galeniche con lavanda e mentolo, che sembrerebbero in grado di minimizzare il problema dell'odore.