Pubblicato su 'Jama' uno studio su ereditarietà genetica e diabete mellito, finanziato anche da Telethon , ed eseguito dal gruppo di ricerca dell'università di Catanzaro 'Magna Græcia'.

Lo studio, che ha coinvolto quasi 9.000 pazienti diabetici, di cui 4.000 italiani, ha dimostrato per la prima volta che nel 10% dei pazienti diabetici esiste una correlazione tra la malattia e difetti nel gene Hmga1 (con conseguente insulino-resistenza). Questo risultato ha grandi ricadute nella pratica clinica, sia perché la presenza di queste varianti potrà servire come indicatore precoce del diabete di tipo 2, specialmente negli individui con familiarità diabetica, sia perché la risposta ad eventuali terapie farmacologiche e la progressione della malattia negli anni possono essere influenzate dalla presenza di questi determinanti genetici (si potranno eseguire in futuro terapie specifiche per questo tipo di pazienti diabetici).