La legge 194/78 ha fatto dimezzare le IVG (aborti volontari) e grazie all'informazione sulla contraccezione, come avviene sul nostro sito, ha reso le donne più consapevoli nei confronti della maternità.

Notevole la riduzione dell'aborto clandestino (dati ISTAT), però con il boom dei medici obiettori tra pochi anni non si potrà più abortire: tra i ginecologi la percentuale di obiezione di coscienza è salita dal 59,7% del 2005 al 70,7% del 2009.

 

Oggi 21 ottobre 2011 si tiene il primo congresso della "LAIGA" (Libera associazione Italiana Ginecologi per l'applicazione della 194/78) a Roma.

Questa associazione è sostenuta dai Colleghi Ginecologi e Anestesisti e personale paramedico ("non obiettori") per evitare le migrazioni verso cliniche "clandestine", e non cadere nel paradosso che, mentre cresce la ricerca sulla medicina prenatale e quindi un miglioramento della diagnosi di anomalie fetali, queste donne siano in seguito abbandonate al loro destino.