Per il CSS (Consiglio Superiore di Sanità) il farmaco può essere comercializzato come "contraccettivo d'emergenza" purchè la donna che lo dovrà utilizzare sia sottoposta a test di gravidanza per escludere una gravidanza in corso, e renderlo compatibile con la vigente legge 194/78.

Il comitato tecnico scientifico dell' AIFA (Agenzia Italiana del farmaco) ha deciso per l'immissione in commercio del contraccettivo d'emergenza (Ella One) o "pillola dei cinque giorni dopo" e sarà presente in farmacia (prescrizione medica, fascia C) a partire dai primi mesi del 2012.

Tutto ciò è molto importante in quanto l'OMS ha identificato nel rapido ricorso a metodiche contraccettive d'emergenza uno dei fattori più importanti per la tutela della salute della donna con un minor ricorso alla interruzione volontaria della gravidanza.

In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, apriamo un bel dibattito: favorevoli e contrari.