Le voci che accusano i contraccettivi ormonali (pillola,cerotto, anello vaginale) di provocare una infertilità permanente o, peggio malformazioni fetali sono ancora comuni ,tanto da danneggiare i programmi di pianificazione familiare, questo per le "famose leggende metropolitane" sulla pericolosità dei contraccettivi ormonali.
Di fatto, proteggendo contro la MALATTIA INFIAMMATORIA PELVICA (PID) i CO effettivamente salvaguardano la fertlità futura.

 

I dati sicuri sono questi:

1. le percentuali di concepimento sono più basse solo nei primi tre mesi.

2. dopo tre mesi dalla sospensione, la percentuale di concepimento è la stessa delle donne che non usano estroprogestrinici.

3. entro 12 mesi dall'interruzione dei CO il 75-97 % delle donne che desiderano concepire hanno ottenuto una gravidanza.

4. Nè la durata d'uso dei CO , nè il tipo di formulazione (monofasica,trifasica alto o basso dosaggio) assunta influenzano il ritorno alla fertilità.

 

Il ritardo nel concepimento è minore con l'uso della minipillola e, forse, anche con gli impianti che liberano ormoni.