Spesso nel corso di terapie locali per infiammazioni vaginali vengono prescritte in associazione delle lavande, da usare alternate alla crema vaginale.
Tranne casi particolari, comunque, questo accorgimento è poco utile ai fini dell'effetto terapeutico, e anzi fa lievitare il prezzo della cura stessa (tra crema, lavande, e detergente specifico si superano facilmente i 30-35 euro).
Vediamo quindi un semplice accorgimento che ci consente di risparmiare denaro, e soprattutto di inquinare meno l'ambiente:

Compra in farmacia un SISTEMA PER IRRIGAZIONI VAGINALI, si tratta di uno strumento simile a un clistere, con un corpo di gomma morbido e una cannula vaginale. Al primo utilizzo l’irrigatore va sterilizzato bollendolo per 10-15 minuti.

Quando vuoi fare una lavanda:
• la sera prima bolli mezzo litro d’acqua di rubinetto. Aspetta che raffreddi e versaci un cucchiaio di bicarbonato (disponibile in qualsiasi supermercato).
• Inserisci l’acqua con bicarbonato nella bolla dell’irrigatore vaginale.
• La mattina successiva utilizza come al solito la lavanda vaginale.
• Dopo l’uso, l’irrigatore può essere lavato semplicemente con acqua e sapone.

Quando hai finito il ciclo di lavande (dopo 4-5 giorni, ad esempio se associato a terapie con crema) puoi di nuovo sterilizzare l’apparecchio, per poi riporlo nella sua confezione.

LAVANDA AL TEA TREE OIL (MELALEUCA)
Questa lavanda ha proprietà antibatteriche ed antifungine.
Si effettua come sopra, ma al posto del bicarbonato si sciolgono 3 gocce di olio essenziale di Tea Tree Oil nell’acqua.
Il Tea Tree Oil si può usare anche diluito in acqua per lavaggi esterni (circa 5 gocce per ogni litro di acqua).


SVANTAGGI
nessuno

VANTAGGI
il costo
l'impatto ambientale
la facile reperibilità (non importa cercare una farmacia aperta)

Parlane con il tuo medico :)