La maggior parte degli utenti che pone domande riguardo a possibili rapporti sessuali a rischio (soprattutto per rapporti mercenari, ma non solo) si fossilizza quasi esclusivamente su un possibile contagio per HIV.

Non ho ancora individuato bene il motivo: possibile tutta la pubblicità che ha ricevuto o riceve la cosa o la notorietà del HIV (sul quale è stato anche girato un film, Philadelphia), possibile l'aura di "castigo divino" che, fin dall'inizio, questa infezione si trascina dietro, ma fatto sta che la maggior parte degli utenti non considerano neppure che, in realtà, con gli stessi meccanismi, è possibile un contagio di altre patologie, fra tutte HCV (virus dell'Epatite C), per la quale (a differenza della B) non esiste neppure un vaccino e che, allo stadio attuale delle terapie, fa molti  danni.

Non perchè, certo, HIV sia una cosa di poco conto, ma perchè, con le attuali terapie e conoscenze, HIV in qualche modo si riesce a gestire, mentre ciò con HCV è possibile solo in pochi casi, mentre è molto facile l'evoluzione in cirrosi o in tumori maligni epatici.

Molti pazienti che hanno contratto HCV hanno dovuto subire un trapianto di fegato. Peraltro, il virus HCV è molto più resistente alle condizioni ambientali esterne rispetto all'HIV. Il contagio può avvenire con le stesse identiche modalità dell'HIV: rapporto sessuale, puntura o contatto accidentale con liquido organico di persona infetta. E' necessario, anche qui, che, il contatto sia tra mucosa e mucosa o liquido organico e cute con lesioni (che permettano la penetrazione del virus)