Le attuali strategie di trattamento riabilitativo in campo neurologico prevedono una fase acuta di intervento, una fase post-acuta e poi...?

C'è un poi, ad esempio il trattamento focale della spasticita', l'integrazione dello stesso con utilizzo di ausilii sempre piu' sofisticati e "leggeri" con gradimento del paziente che, difficilmente in passato, accettava tali ausilii.

Questa condizione definita di stabilizzazione del processo di recupero, cioe' fase post-acuta e' quella che , ancora oggi, è nella definizione di terapia a cicli, sostanzialmente poco finalizzata, psicologicamente, spesso, frustrante anche per gli Operatori della riabilitazione perche' le aspettative di recupero funzionale totale vanno sempre piu' dileguandosi sia nel progetto riabilitativo e sia nella psicologia del paziente.

Esperienze negli U.S.A. di riabilitazione con l'utilizzo di robot, cioe' di macchine pensate per programmare un trattamento piu' lungo nel tempo della semplice seduta di trattamento riabilitativo, fanno emergere il concetto di "Riabilitazione Allenante" cioe' di un trattamento che, una volta stabilizzata la capacita' di recupero funzionale e le strategie di recupero del cervello dopo una lesione, stimolano con movimenti programmati, con intensita' programmata, con rinforzo visivo, uditivo i recettori periferici e propriocettivi ad inviare dalla periferia neuromuscolare al centro informazioni che possono modulare e/o migliorare l'attuazione di programmazione centrale di sequenze neuromotorie piu' corrette.

Questa visione di allenamento e' un po' fuori dalla mentalita' dei Riabilitatori Italiani poiche' sembra quasi un eresia, intrappolati nel concetto del perfezionismo metodologico che pero' oltre un certo tipo di recupero sia qualitativo che quantitativo non puo' andare.

Nell'utilizzo pratico di alcune di queste macchine allenanti, che non sostituiscono l'Operatore che deve avere comunque il know how della programmazione e deve rimanere il Regista del processo di ulteriore recupero, ho avuto modo di identificare la possibilita' di somministrare al paziente un trattamento intensivo per tempo e per qualita'nel quale sono presenti alcuni caposaldi delle metodiche neuroriabilitative.

Ecco, quindi, che possiamo definire Allenante un programma di stimolazione centro-periferica attuato con robot (per l'arto superiore, per l'arto inferiore, per il cammino, per l'equilibrio del tronco).