La sindrome delle gambe senza riposo è un frequente disturbo neurologico del movimento che interessa all’incirca il 10% dei soggetti adulti. In circa un terzo dei pazienti i sintomi sono di gravità tale da rendere necessaria una terapia medica.

La sindrome può costituire una condizione patologica primaria, oppure può essere secondaria a condizioni come deficit parziale, insufficienza renale, gravidanza , assunzione di determinati farmaci.

La diagnosi è di tipo clinico, e si basa sull’osservazione di una necessità imperiosa di muovere le gambe, solitamente associata a sensazioni fastidiose, sulla comparsa dei sintomi a riposo, sulla loro scomparsa con l’attività fisica, nonché sul loro aggravamento la sera o durante la notte.

La sindrome delle gambe senza riposo può causare alterazioni del sonno, è associata ad ansia e depressione, ed esercita un effetto negativo sulla qualità della vita del paziente.

Il trattamento delle cause secondarie della sindrome può ottenere un miglioramento o la risoluzione dei sintomi. Per quanto riguarda gli effetti di modificazioni delle abitudini di vita sui sintomi della sindrome le informazioni disponibili sono scarse. Qando è necessario somministrare farmaci, gli agonisti della dopamina rappresentano il trattamento di prima scelta per sindromi di gravità intermedia o gravi.

Altri farmaci potenzialmente efficaci comprendono gabapentina, carbidopa/levodopa, oppiacie e benzodiazepine che vanno sempre assunti sotto stretto controllo medico.

 

Riferimenti: Restless Legs Syndrome. Am FamPhysiacian 2013; 78 (2):235-240,243