Leggiamo molto spesso nei consulti come tali esami vengano prescritti con estrema superficialità non solo dai medici generici,ma anche da qualche specialista del settore.

L'utilità di questi indispensabili esami è quasi nulla se non si intuisce la  diagnosi.
Il sospetto diagnostico deve scaturire primariamente dall'esame clinico, accurato e coscienzioso.
La conferma o la smentita di una ipotesi diagnostica la si verificherà con l'esame oculatamente richiesto.

La prescrizione di esami come TC o RM o entrambe solo per "vedere cosa c'è" è insensata oltre che inutile e dispendiosa per la spesa sanitaria di cui facciamo finta di preoccuparci.
Un atteggiamento di questo tipo accomuna tali esami alla sfera di cristallo dei maghi, ma quel che è peggio i medici, che così agiscono, ai maghi.

Per poter indicare una terapia (medica, fisoterapica o chirurgica) è indispensabile e imprenscindibile lo studio diretto del paziente che consiste in

1) conoscere la storia clinica dello stesso
2) eseguire un accurato esame clinico
3) visionare gli esami clinici e strumentali eventualmente già eseguiti
4) valutare la necessità di ulteriori approfondimenti
5) indicare la terapia più idonea

E' essenziale dare precise indicazioni al medico radiologo sul sospetto diagnostico per cui quell'esame viene richiesto, quindi visionare (e saper leggere) le immagini di tali esami perchè non tutto ciò che il radiologo, giustamente e correttamente, descrive può avere rilevanza clinica.
L'indicazione al trattamento terapeutico deve scaturire dalla valutazione della congruità della sintomatologia con quanto si evidenzia agli esami strumentali e/o di laboratorio.

Se, per es. un'ernia lombare è silente, mentre una a livello cervicale non lo è, sulla scorta dei dati anamnestici e clinici, si decide la terapia.

Né il medico dovrebbe cedere alle insistenze di un paziente che richiede un esame solo perchè il suo parrucchiere glielo ha suggerito o perchè ha letto da qualche parte che un mal di testa deve essere diagnosticato con tali esami o per sentirsi tranquillo.

Un breve esempio, ma significativo.
Se io sono un buon cacciatore uso il fucile con un solo colpo per colpire il faggiano, ma se non lo sono, userò un bazooka.
Col bazooka sicuramente prenderò il faggiano, ma sarà meglio abbandonare le velleità da cacciatore.

Che cosa intendo dire?
Se io prescrivo una RM total-body per un mal di testa accompagnato, per es, da stipsi, può darsi che scopra un tumore da qualche parte del corpo, ma potrei non scoprire altre patologie che non si dignosticano solo con TC ed RM.

Conclusione: Un esame prescritto e fatto a casaccio non serve a nulla.