Da alcuni anni assistiamo ad un autentico bombardamento pubblicitario mediatico,in particolare televisivo,avente per oggetto la terapia sintomatica del dolore.

Siamo arrivati al paradosso di varianti dello stesso nome commmerciale per tipi diversi di cefalea(anche quella da raffreddore!).

Pur rispettando l'utilità di tali farmaci,credo però si impongano delle considerazioni e preoccupazioni:

-La tendenza all'automedicazione che già trova terreno fertile con Internet

-La tendenza all'abuso tenendo anche presente che nessuno di tali farmaci è esente da effetti collaterali talora gravi.

-Trascurare e superare la diagnosi:Ad es. nella cefalea tensiva,che è quella più comune,il sintomo può regredire con tecniche di rilassamento talora banali quali ad es,dormire,mangiare,isolarsi in un ambiente tranquillo...,talaltra specifiche o in casi cronici selezionati con l'utilizzo di miorilassanti ed antidepressivi per periodi limitati di tempo.E' invece esperienza comune il contatto con pazienti che prima di arrivare dal Medico hanno una lunga storia di abuso di antidolorifici e che mostrano perplessità nell'apprendere che tali farmaci non sono risolutivi.

-Criptare una patologia importante.Ad es, la cefalea può essere,per fortuna raramente, il sintomo di patologie cerebrali più serie che subiscono un ritardo di diagnosi proprio perchè "nascoste" dall'uso degli antidolorifici

Ci sarebbero ancora molte altre considerazioni ma non mi dilungo ulteriormente.Desidero solo in conclusione stressare 3 concetti:

- la diagnosi medica deve precedere assolutamente la terapia.

- i farmaci pubblicizzati per la cefalea ed il dolore in generale sono solo sintomatici certamente utili ma che non risolvono la patologia.La risoluzione è possibile solo curando la causa e questo spetta esclusivamente al Medico

-pur rispettando le esigenze commerciali delle Aziende farmaceutiche,sarebbe necessario che gli input pubblicitari fossero controbilanciati da un'adeguata informazione per i cittadini su quanto sinteticamente sopra esposto.