dal sito ASSOCIAZIONE ITALIANA MEDICI OCULISTI A.I.M.O.

E’ stata finalmente completata  la procedura di autorizzazione regionale per l’applicazione della brachiterapia con placche di rutenio in pazienti di età pediatrica affetti da retinoblastoma.

A partire da febbraio 2012 l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, unica struttura in Italia, è ufficialmente autorizzato ad applicare tale terapia nei Pazienti selezionati secondo i criteri definiti dal Protocollo AIEOP 012 sulla terapia conservativa del retinoblastoma.

La brachiterapia non rappresenta come è noto la “prima opzione” terapeutica, ma è riservata alle forme di malattia resistenti alla terapia convenzionale o ad alcune forme di recidiva. Fino ad oggi i piccoli pazienti per cui veniva posta l’indicazione a questo trattamento, erano obbligati a complesse trasferte in altri paesi europei con notevoli disagi familiari e un aggravio sulla spesa della Sanità Pubblica.   L’Ospedale Bambino Gesù, rappresentando un Centro Nazionale AIEOP per la cura del retinoblastoma, è oggi in grado di fornire tutte le prestazioni necessarie per la cura conservativa del retinoblastoma: la brachiterapia, la termo-chemio-terapia e la terapia sottotenoniana con chemioterapico.

L’ implementazione delle procedure e l’esperienza pluriennale  maturata  nel settore da parte della UOC di Oculistica diretta dal dott. Luca Buzzonetti  hanno portato l’AIEOP ad assegnare all’ospedale nel 2011 l’incarico di redigere il nuovo protocollo nazionale sulla cura del retinoblastoma, protocollo chiuso a gennaio 2012 e presentato a tutti i Centri AIEOP interessati durante un incontro che si è svolto a Roma il 12.03.2012.

Con l’occasione si informa che il prossimo 06.07.2012 si svolgerà presso l’Ospedale Bambino Gesù di Roma una giornata dedicata prevalentemente agli Oculisti ed organizzata dai responsabili del centro di oncologia oculare dell'Ospedale Bambino Gesù, dott. Antonino Romanzo e dott.ssa Paola Valente, nella quale si parlerà degli sviluppi e delle nuove frontiere terapeutiche nel retinoblastoma.

Il Presidente

PROF. CLAUDIO AZZOLINI

e il Consiglio Direttivo A.I.M.O.