Vernal conjunctivitis o Congiuntivite allergica primaverile gigantopapillare

la Congiuntivite Allergica è legata spesso ad una reazione ai pollini, agli acari della polvere, al pelo di animali domestici ed all’aria delle nostre città sempre piena di polveri sottili e di smog.

Questo tipo di congiuntivite si presenta con occhi rossi, prurito incessante, lacrimazione copiosa, fotofobia marcata e bilaterale che sono sintomi costanti ed esaltati alla esposizione agli allergeni. La congiuntivite allergica è caratterizzata dalla marcata secrezione sierosa, solo a volte vi è una sovrapposizione batterica e compare anche i secrezione purulenta.

La congiuntivite allergica è caratterizzata dal forte prurito e dal gonfiore delle palpebre e dalla chemosi congiuntivale.

Nella forma Vernal , primaverile o giganto – papillare è patognomonica la presenza delle papille congiuntivali tarsali ipertrofiche disposte ad “acciottolato romano”,

come le antiche strade di Roma. A volte tra queste papilla si possono riscontrare tracce di muco, secrezione purulenta e nelle Donne addirittura depositi pigmentati legati all’uso di cosmetici : tale fenomeno è conosciuto con il nome di

“tatuaggio congiuntivale” L'arrossamento oculare e il prurito interessanoi sempre entrambi gli occhi e sono accompagnati da intensa lacrimazione.

.

Sovente, nelle donne la causa è da ricercarsi in un'intolleranza ai prodotti per truccare e struccare gli occhi e ai cosmetici in generale, compresi quelli definiti ipoallergenici.

La semplice sospensione dell'applicazione del cosmetico irritante consente di ottenere il miglioramento dei sintomi.

TERAPIA

Evitare o ridurre al minimo il contatto con l'allergene, laddove però si riesca ad identificarlo , se invece si riusciti ad identificare l’allergene o gli allergeni si procederà a una vaccinoterapia specifica sotto la guida di un buon medico allergologo.

La terapia di una congiuntivite allergica , soprattutto del tipo primaverile o gigantopapillare (Vernal conjunctivitis) è sempre di competenza del medico oculista .

La terapia locale che in genere suggerisco si base su prodotti fondamentali

- colliri cortisonici

- colliri antistaminici

ma va iniziata ampiamente prima dell’inizio della Primavera o dell’esposizione prevista all’allergene o al polline.

In genere i miei piccoli pazienti cominciano la terapia

Il 15 febbraio con una settimana di un collirio cortisonico con un antibiotico di

“copertura” va benissimo ad esempio

la tobramicina associata al desametasone

la posologia è una goccia di collirio per 4 volte al di per una settimana

poi invece si passa ad un collirio antistaminico

qui la posologia cambia a seconda della molecola, ma il periodo di trattamento deve essere di almeno 4-5 mesi.

Ad ogni buon fine mai e sottolineo mai, ricorrere anche in casi urgenti ai prodotti di libera vendita e molto pubblicizzati che associano antistaminici e vasocostrittori, ma

se si utilizzano di lenti a contatto , sospenderne immediatamente l’ uso ,

sospendere immediatamente i trucchi ed i cosmetici in generale (fondo tinta, creme, tonici)

mettere lacrime artificiali meglio se monodose anche 1 goccia ogni mezzora

lavare gli occhi con acqua ghiacchiata o

addirittura applicare un cubetto di ghiaccio sugli occhi

L'approccio ad una congiuntivite primaverile

deve poi avere sempe un approccio medico multidisciplinare

- specialista allergologo

- specialista immunologo

- specialista pediatra e specialista oculista.