Il futuro è la chirurgia vitreoretinica mini-invasiva 27 gauge!!

La chirurgia mininvasiva costituisce negli ultimi anni, indubbiamente, una delle più importanti evoluzioni nel campo della chirurgia vitreoretinica (25-23 gauge).

Il futuro della chirurgia a piccolo calibro è quello di proporre soluzioni davvero innovative:

 

  • una chirurgia ibrida con la possibilità di impiegare calibri diversi nello stesso intervento
  • impiego di nuovi metalli nella costruzione degli strumenti microchirurgici (metalli con memoria) per incrementare la robustezza degli strumenti e renderli meno flessibili (25 gauge plus)
  • nuovi vitrectomi con aumento dell'efficacia di taglio (2500 - 3000 tagli/minuto)
  • possibilità di effettuare chirurgia bimanuale con illuminazione a candeliere (twinlight)
  • "trocars" valvolati
  • strumenti curvi per casi difficili

 

Il sistema 27 gauge permette di realizzare incisioni della parete sclerale autosigillanti senza avere ipotonia post-operatoria.

Alla fine dell'intervento chirurgico la parete sclerale dopo la rimozione dei trocars 27 g, è perfettamente sigillata senza fuoriuscita di liquidi.

Il momento più difficile è stato quello di creare un vitrectomo 27 gauge.La porta di taglio del 27 gauge è più grande del 25 gauge. Il duty cicle del 27 G è in diversi studi clinici e sperimentali uguale o superiore a quello del 25G.

 

Il sistema 27 gauge presenta molti benefici:

 

  • ingresso di parete semplice (diretto) con perfetta incisione sclerale autosigillante
  • completa eliminazione dei rischi di complicazioni legate alla scarsa tenuta della parete sclerale
  • microstrumentazione con manipolazioni minimamente invasive
  • scarsa o nulla infiammazione post operatoria
  • rapidissima riabilitazione funzionale

 

 

La chirurgia vitreoretinica con 27 gauge è sicuramente il futuro!