Si discute, finalmente, alla Camera dei Deputati l’interpellanza urgente, presentata come primo firmatario dall’ On. Cécile Kyenge, nella quale si richiede al Ministro della Salute, a seguito del pronunciamento dell’Autorità garante della concorrenza, se non ritenga di dover intervenire per reinserire nella lista dei farmaci off label autorizzati l’utilizzo di Avastin per uso Oculistico

carlo.orione_LucentisAvastin

Attualmente, infatti, nonostante sia stata dimostrata la stessa efficacia terapeutica, in Ospedale non é ancora possibile utilizzare l'Avastin, prodotto dalla ROCHE, che ha un costo nettamente inferiore al Lucentis, prodotto dalla NOVARTIS

E' ormai nota l'utilitá degli anti VEGF in oculistica per combattere la Degenerazione Maculare legata all'etá (AMD) nella sua forma detta di Tipo Umido

carlo.orione_DMS

La AMD puó presentarsi in 2 forme: quella Atrofica, a lenta evoluzione, e quella Umida o Essudativa o Neovascolare, piú aggressiva e con decorso molto rapido.

Questa patologia, che si manifesta solitamente nella terza etá, causa danni alla macula, la parte della retina responsabile della visione centrale, che ci permette di riconosere le persone e gli oggetti che ci circondano

carlo.orione_dms foto gruppo

COSA SUCCEDE

Improvvisamente si formano dei vasi sanguigni anormali nella coroide, lo strato vascolare sottostante la retina deputato a fornirle ossigeno, che provocano una fuoriuscita di sangue e fluidi sotto la macula, danneggiandola e procurando, cosí, una progressiva perdita della funzione visiva

carlo.orione_neovasi_coroideali

COSA SONO I FARMACI ANTI VEGF

Sono sostanze che bloccano i VEGF, cioé i fattori di crescita di questi vasi anomali, utilizzati con successo anche per la cura del Cancro

carlo.orione_her1-lg

COME SI ASSUMONO

Lucentis ed Avastin vengono iniettati dentro l'occhio attraverso la sua parete esterna tramite una piccola siringa simile a quelle utilizzate per l'insulina

L'iniezione si esegue attraverso la sclera, la parte bianca dell'occhio, a circa 3,5/4 mm. dalla cornea, la parte piú trasparente, per far penetrare il farmaco nella cavitá vitreale, in una quantitá pari a 0,05ml.

carlo.orione_iniezione_intravitreale

PERCHÉ IN OSPEDALE NON SI PUÓ UTILIZZARE L'AVASTIN?

Perché non vi é scritta come indicazione terapeutica quella intraoculare

Speriamo che finalmente, dopo anni di richieste dalle Associazioni dei Medici Oculisti, il Parlamento consenta nuovamente l'utilizzo di questo farmaco che ha dimostrato di funzionare molto bene, in questa invalidante patologia, con dei costi molto piú contenuti rispetto al Lucentis