La diagnostica delle maculopatia continua a fare progressi. In queste ultime settimane è uscito un nuovo OCT denominato SWEPT-SOURCE OCT in grado di eseguire scansioni ad altissima risoluzione e che è destinato a soppiantare gli OCT di vecchia generazione spectral domain.

Si tratta di una tecnologia estremamente sofisticata che è in grado di visualizzare i capillari della retina senza la necessità di iniettare il colorante (fluoresceina o verde di indocianina).

Questo rappresenta chiaramente un passo in avanti molto importante per migliorare e rendere allo stesso meno invasive le tecniche di imaging strumentale per la diagnostica avanzata delle maculopatie.

L'OCT con la tecnologia angio-oct è un esame non invasivo, nessun colorante o mezzo di contrasto viene iniettato in vena eliminando quindi i possibili effetti indesiderati dell'angiografia tradizionale.

Attenzione però perchè si tratta di un esame che IN NESSUN MODO almeno al momento potrà mai sostituire la fluorangiografia tradizionale che in alcuni casi di maculopatia cosi' come ancora in molte malattie della retina come la retinopatia diabetica, rimane un esame fondamentale, indispensabile e insostituibile.