Sarà costitutito a breve l'Albo unico dei manager sanitari presso il ministero della Salute.

giovanniberetta_spesa-sanitria-300x166Le Regioni (e le Province autonome) potranno fare riferimento a quest'albo per gli incarichi, scelti tra i candidati interessati. Ad istituirlo la riforma della Pa, che prevede un decreto delegato in materia entro un anno dalla riforma stessa. A entrare nella rosa dei candidati Dg, aggiornata ogni due anni, quanti, con titoli specifici e comprovata esperienza, supereranno una selezione nazionale preceduta da un avviso pubblico.

Per quanto riguarda la verifica e valutazione dell'attività dei direttori generali, si dovrà tener conto "del raggiungimento degli obiettivi sanitari, anche in relazione alla garanzia dei Livelli essenziali di assistenza e dei risultati del Programma nazionale valutazione Esiti dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali".

Senza il raggiungimento degli obiettivi si va incontro alla decadenza dall'incarico, con la possibilità di reinserimento solo dopo una nuova selezione.
'Reclutamento' per titoli e colloquio, previo avviso pubblico, anche per i direttori amministrativi e sanitari in possesso di specifici titoli professionali, scientifici e di carriera, effettuata da parte di commissioni regionali composte da esperti di qualificate istituzioni scientifiche, per l'inserimento in appositi elenchi regionali degli idonei, aggiornati con cadenza biennale, da cui i direttori generali devono obbligatoriamente attingere per le relative nomine.