La congiuntiva è una membrana mucosa, trasparente che ricopre la faccia interna delle palpebre e buona parte del bulbo oculare.

Le forme infettive di congiuntivite possono essere suddivise in forme causate da:

  • batteri
  • virus
  • miceti
  • parassiti.

Recentemente e' stata segnalata una forma di congiuntivite virale da virus Zika 

sia come sintomo isolato o come prima manifestazione della malattia.

Il virus Zika provoca una malattia nota come "ZIKA".

IIl virus è trasmesso soprattutto dalle zanzare e particolarmente da quella tigre.

Questo virus lo conosciamo da tanti anni: fu isolato nel 1947 da una scimmia Rhesus nella Foresta Zika dell'Uganda e dal 1968 viene isolato anche in esseri umani (dapprima in Nigeria).

Nel 2015 il virus ZIKA e' stato isolato in sud America e in particolare in Brasile.

Nello scorso anno In Brasile sono stati segnalati oltre 3500 casi di microcefalia neonatale.

In turisti USA di ritorno dai paesi dove è presente il virus è stata riscontrata una positività sierologica all'infezione da virus Zika.

Il 17 gennaio 2016 e’ stato segnalato da tutti gli organi di stampa il primo caso in USA di microcefalia in un neonato, la madre del piccolo aveva trascorso alcuni mesi in Brasile prima il parto.

La malattia da Zika virus nel 25% dei casi è asintomatica, oppure ha una sintomatologia molto lieve,

con sintomi come:

carlo.orione_collirio_in_occhio

 

congiuntivite,

febbricola,

esantema ed eruzioni cutanee,

cefalea.

 

Questi sintomi durano solo pochi giorni.

Non esiste una vera e propria cura per la malattia da virus Zika.

Il trattamento è basato sull'alleviare la sintomatologia.

L'infezione con Zika virus nelle donne gravide determina nel nascituro microcefalia e malformazioni fetali.

Nel 2015 nel Brasile del Nord vi è stato un aumento significativo dei casi di microcefalia, che sembra essere in stretta relazione con l'infezione da Zika virus nelle donne incinte.

Il Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta ha appena emanato (gennaio 2016) un allerta per le donne gravide o a rischio di gravidanza affinché evitino di recarsi nei paesi focolaio della malattia: Brasile,

Colombia,

El Salvador,

Guiana francese,

Guatemala,

Haiti,

Honduras,

Martinica,

Messico,

Panama,

Paraguay,

Puerto Rico,

Repubblica Dominicana,

Suriname e

Venezuela.

Durante la prima settimana di infezione, il virus Zika può essere trovato nel sangue e passa da una persona infetta ad un'altra sana attraverso le punture di zanzara.

Sono anche possibili trasmissioni del virus Zika per via sessuale e con le trasfusioni.

 

 

ULTERIORI NOTIZIE

 http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/medicina/2016/01/24/-virus-zika4-casi-in-italiaviaggiatori-dal-brasile-_ed1236e6-c738-4932-be84-d3fc4631c000.html