Per curare la congiuntivite, alcuni pazienti abusano di colliri contenenti cortisonici che, senza stretto controllo medico, possono causare il glaucoma.

 

Secondo le nostre stime, fra tutti coloro che si presentano in ambulatorio per congiuntivite allergica stagionale, circa uno su quattro presenta pressione alta degli occhi, condizione in grado di determinare glaucoma, o ulcere corneali, anch'esse determinate spesso da abuso di cortisonici, utilizzati come automedicazione. Sia il glaucoma sia le ulcere corneali, poi, possono determinare gravi ed irreversibili perdite della vista.

 

Purtroppo, nonostante sia aumentata la consapevolezza dei rischi legati all'automedicazione, sono ancora molti i casi di glaucoma secondario all'abuso di cortisonici che si presentano nei nostri ambulatori.

 

Il polline e la polvere sono le cause più comuni di congiuntivite allergica, che può essere tenuta sotto controllo con anti-istaminici e, nei casi più severi, con cortisonici, che vanno però utilizzati per brevi periodi, monitorando al contempo i possibili effetti collaterali tramite controlli oculistici ravvicinati.