Al giorno d’oggi ci sono tante ragazze e ragazzi che stanno facendo di tutto per rendere i loro occhi speciali. 

Allungare o far sembrare piu’ lunghe le ciglia e’ in genere il primo passo.

Molto spesso noi medici oculisti notiamo ciglia artificiali applicate sulle ciglia naturali con una colla semipermanente.

Tutti gli oculisti del pianeta sono d’accordo che questo trattamento cosmetico può essere sicuro, a condizione che i consumatori prendano particolari precauzioni per proteggere i propri occhi.

Le Ciglia si possono allungare artificialmente con 3 tipi diversi di ciglia artificiali: 

  •  ciglia in materiale sintetico,
  •  ciglia in seta
  •  ciglia in pelo di visone. 

Sono disponibili sul mercato una varietà infinita di ciglia artificiali, di dimensioni e forme molto bizzarre e diverse. 

Le “estensioni” delle ciglia vengono solitamente applicate da una Estetista in un salone di bellezza, usando una pinzetta e una colla semi-permanente formulata proprio per questo scopo (niente cianoacrilato!). 

La procedura può richiedere fino a due, tre ore ad occhio e gli occhi dovrebbero rimanere ben chiusi per tutta la durata dell'applicazione. 

Le ciglia finte, in genere, durano tre o quattro settimane, cadendo come fanno le ciglia naturali.

"Per mantenere gli occhi sicuri, le ciglia dovrebbero essere applicate da una estetista esperta in un ambiente sanitario, con sostanze chimiche che sono sicure e perfettamente testate per la pelle", sottolinea l'American Academy of Ophthalmology (AAO 2018). 

Naturalmente anche l’applicazione di ciglia può dare dei rischi, ad esempio: traumi, infezioni delle palpebre, sino a vere e proprie lesioni corneali.

Molto spesso vediamo reazioni allergiche alla colla; e raramente perdita permanente o temporanea delle ciglia.

L'infezione può essere legata ad una scarsa igiene dello Studio di Estetica o da errate manovre di applicazione o da vere e proprie causticazioni che danneggiano l'occhio durante l'applicazione. 

Anche i componenti e gli eccipienti delle colle possono causare reazioni allergiche. 

Alcune colle contengono formaldeide: un potente allergene. 

Una reazione allergica da sempre dolore, prurito, arrossamento e gonfiore. 

E in qualche caso interferisce con la visione, per fortuna, in maniera solo temporanea.

Queste estensioni possono sfregare, tirare o rompere le nostre ciglia naturali, sino a causare danni permanenti ai follicoli delle ciglia. 

Sebbene raramente, le estensioni possono infiltrarsi nel bulbo oculare in maniera tale che bisogna rimuoverle solo chirurgicamente.

 

 Consigli utili

  • Studia attentamente il negozio o il salone dell'estetista

 

  • Controlla sempre gli ingredienti dei prodotti e delle colle, prima di andare avanti con l’ estensione artificiale delle ciglia. 

 

  • Controlla che l’estetista e il suo studio abbiano una buona reputazione? 

 

  • Lo studio rispetta le comuni norme igieniche? 

 

  • Che formazione, studi, certificazione ed esperienza ha questa Estetista nell’applicazione di estensioni delle ciglia?

 

  • Verifica sempre la lista dei componenti della colla

 

  • Controllala gli eventuali allergeni presenti tra i componenti della colla

 

  • Verifica che la data di scadenza non sia stata superata. 
  • Prima di applicare la colla sulle palpebre degli occhi, fai fare all’Estetista un piccolo test con una goccia di colla sulla parte interna del tuo polso.

 

  • Se hai una reazione allergica alle estensioni delle ciglia, non rimuoverle mai da sola, in quanto potresti danneggiare i tuoi occhi.

 

  • Non cercare di automedicarti.

 

  • Vai subito, invece, al Pronto Soccorso o consulta il tuo medico specialista oculista

 

 

Le estensioni e la colla per ciglia non sono state ancora approvate nè dalla FDA (Food and Drug Administration USA) nè dalla Commissione Europea.

 

I contenuti scientifici e gli articoli sono realizzati gratuitamente dai medici chirurghi specialisti oculisti e altri professionisti iscritti a Medicitalia.

 

E' vietata qualsiasi riproduzione e divulgazione anche parziale senza la necessaria prevista autorizzazione. 

 

Ulteriori approfondimenti su 

www.aao.org