Le patologie della spalla possono essere suddivise in 3 GRANDI GRUPPI: A - B - C. 

GRUPPO A:   patologie CAPSULO/LEGAMENTOSE e della CUFFIA ROTATORI

GRUPPO B:   patologie   della cartilagine articolare di tipo degenerativo (ARTROSI)

GRUPPO C:   patologie di tipo traumatico (FRATTURE)

 

            Le patologie del GRUPPO A si suddividono a loro volta in:

a)da conflitto subacromiale e subscapolare

b)della cuffia dei rotatori (muscoli e tendini della cuffia)

c)da lassità e instabilità della spalla.

 

 Quando sono interessati gli elementi muscolo tendinei della cuffia dei rotatori, questi possono dare, nel corso di una patologia, una sintomatologia dolorosa che a volte può depistare la diagnosi.

Ecco perché è molto importante lo studio della sintomatologia dolorosa e analizzare bene la sua irradiazione.

         Qui di seguito vengono descritte le aree di propagazione della sintomatologia dolorosa allorquando alcuni muscoli della spalla vanno in stato di sofferenza:

  1. muscolo deltoide > comporta un dolore che si irradia sulla zona laterale, anteriore e posteriore della spalla
  2. muscolo dentato posteriore > comporta un dolore che si irradia sulla zona posteriore della spalla e/o al gomito e/o al polso
  3. muscolo sopraspinato >  comporta un dolore che si irradia sulla zona laterale della spalla e del gomito
  4. muscolo sottoscapolare > comporta un dolore che si irradia sulla zona postero inferiore della spalla, dell’avambraccio fino al polso
  5. muscolo sottospinato > comporta un dolore che si irradia soprattutto nella zona anteriore della spalla e dell’avambraccio
  6. muscolo romboideo > comporta un dolore che si irradia nella zona posteriore della scapola quasi vicino alla colonna vertebrale
  7. muscolo piccolo rotondo > comporta un dolore che si irradia in un piccolo punto sulla zona posteriore della spalla
  8. muscolo grande rotondo > comporta un dolore che si irradia solo nella zona posteriore della spalla
  9. MUSCOLO BICIPITE BRACHIALE (tendine del capo lungo) > comporta un dolore che è presente soprattutto in una zona limitata della parte anteriore della spalla. A volte si diffonde lungo l’avambraccio anteriormente fino al gomito e alla mano.

 

E’ chiaro che quanto esposto ha solo un carattere divulgativo e non ha alcuna intenzione di invitare a fare  una autodiagnosi. Il concetto che vorrei passare è quello che ogni qualvolta è presente un dolore, è bene che questo venga studiato in tutte le sue componenti.