Parliamo di micropene quando la lunghezza è inferiore a 2,5 cm nel bambino fino ad 1 mese,inferiore a 3,5-4 cm nel bambino prima della pubertà e inferiore a 7,5 cm a fine pubertà e nel soggetto adulto.

Ma come misurare il pene?

Questo va pinzettato sul prepuzio, stirato ma non allungato con forza, misurato con una piccola riga rigida.

Le cause del micropene sono diverse. Innanzitutto dobbiamo distinguerlo dal falso micropene: per misurazione sbagliata o per presenza di eccessivo adipe a livello pubico che va ad inglobare buona parte del pene.

Cause del micropene

Forma costituzionale o idiopatica. Forme familiari. Deficit di ormone della crescita. Sindromi particolari come: Noonan, Prader-willi, Bardet-Biedl, Klinefelter, sindrome del maschio XX, carenza alla nascita di gonadotropine, deficit di produzione, azione o trasformazione del testosterone, infine la disgenesia gonadica mista.

Esami da eseguire

La forma familiare va sospettata se al micropene del bambino si associa un pene piccolo del padre di circa 7 cm. Una volta esclusa questa condizione, possiamo eseguire un CARIOTIPO, questo ci consente di confermare un sospetto di sindrome del maschio XX, una disgenesia gonadica oppure un Klinefelter (47, XXY) o le sue varianti.

Passiamo poi al dosaggio del GH e del cortisolo quando al micropene assistiamo a episodi di ipoglicemia in epoca neonatale; dosaggio del Testosterone, LH e FSH nel 2°-6° mese di età.

Quando tutti questi esami sono negativi si può sospettare un micropene idiopatico e, quando non vi sono altre anomalie dei genitali esterni, si può iniziare un trattamento con testosterone. Questa terapia modifica l'estetica ma sopratutto evita il disagio psicologico al bambino.

 

Bibliografia 

  • Bin Abbas, Conte, Grumbach, Kaplan. J Pediatr 1999
  • Boscherini, Fonte, Del balzo. Endocrinologia Pediatrica 2013