omofobia

 

Esistono organizzazioni internazionali che si occupano di stilare le classifiche europee sull'Omofobia e Transfobia in Sanità. Dato l'elevata compromissione del dott. Gandolfini, Atzori, Binetti,.... e della diplomata Lorenzin il conto è fatto.

Nessuno organizza nelle ASL o nelle Università dei corsi tematici, mentre Medicina di Genere in Italia viene tradotto con Medicina delle Donne!

Ecco i dati tristemente aggiornati nel merito, da pag. 11 ovviamente in inglese da cui estraggo:

In some countries, including Bulgaria, Hungary, Italy, Latvia,
Poland, Romania and Slovakia, respondents working in
healthcare indicate that many healthcare professionals
still see homosexuality as a pathological issue. Some
medical training material still pathologises homosexuality.

Continua su:

http://www.west-info.eu/it/ci-sono-anche-italiani-tra-i-medici-per-i-quali-i-gay-sono-malati/fra-professionally-speaking-challenges-to-achieving-equality-for-lgbt-people-2016-2/

 

Adesso ponetevi questo quesito, che forse è il più importante:

AGGIORNAMENTO: esistono le line guida e le azioni della WPA, associazione mondiale di psichiatri, sul tema della lotta alla discriminazione in sanità delle persone omosessuali e transgender, che trovate in inglese su: http://www.wpanet.org/detail.php?section_id=7&content_id=1807

e tradotto in italiano di cui vi ho scritto sul blog: http://www.medicitalia.it/spaziopro/spaziomed/645307/la-wpa-associazione-mondiale-di-psichiatri-e-lomosessualita-novita

 

Grazie per l'attenzione durante il lavoro quotidiano anche a supporto delle famiglie omogenitoriali, (massimo 500-1000 in tutta Italia) e per gli adolescenti Lgbt (circa il 10% degli adolescenti.... ovviamente).