La società, oggi, promuove un’eroticità “facile”, in apparenza sempre appagante ed il modello ideale di giovani sessuati è spesso descritto  in modo provocante , aggressivo, richiedente e vincente, elementi affatto veritieri.
Restituire al corpo la sua bellezza, unicità ed  integrità è uno dei percorsi dell’educazione sessuale.


L’amore per il corpo, il rispetto, sono elementi per una “sana identità”, argomentazioni spinose se trattate in età adolescenziale, luogo simbolico di attacco acuto  e modificazione del corpo .
Il corpo infatti, non viene quasi mai accettato dagli adolescenti, diventa un mezzo di comunicazione del disagio, della rabbia, del dolore, dei conflitti inespressi e, soprattutto palcoscenico di modifiche in  funzione dei modelli estetici proposti dai media.


Cos è un corpo erotico?

Il corpo proposto dai mass media  per esempio non è un corpo erotico, è invece un corpo abusato, non rispettato, profanato nella sua unicità, omologato e modificabile in funzione degli obiettivi da raggiungere , spesso di tipo sessuale-professionale.
L’erotismo è un giusto compromesso tra l’esposizione e la riservatezza, tra il mistero e la seduzione, tra il rispetto e l’ostentazione, rappresenta il percorso verso quell’ unica, magica, speciale  “geografia intima”, che ogni individuo dovrebbe conoscere  a fondo, tutelare ed mettere poi a conoscenza dell’altroa.


Un primo passo verso un’educazione erotica, è quello di insegnare ai giovani a prendere la distanza dal modello estetico imperante , far sì che si possano riavvicinare al "concetto soggettivo" di bello e riappacificarsi con un corpo sia esteriore che interiore, che durante quella fascia  d’età viene considerato brutto ed inadeguato, soprattutto per temi che attengono alla sessualità.
L'omologazione ai modelli estetici  e comportamentali ufficiali , contiene in sè elementi pericolosi e destabilizzanti : è fondamentale invece imparare ad avere un pensiero autonomo e a chiedersi che cosa si desidera davvero, con chi e quando.


Se una giovane ragazza per esempio, riesce a far rispettare i suoi tempi, molte difficoltà anche sessuali, potrebbero addirittura non presentarsi.
A volte infatti, alle origini della dispareunia ( dolore sessuale) si possono rintracciare rapporti precoci, preliminari frettolosi o conflitti irrisolti che mal si conciliano con la maturazione personale e l’abbandono emotivo necessari all’intimità.
Chi  come me, si interessa di educazione emozionale e sessuale, invita i giovani visitatori di questo percorso a cogliere la magia , la bellezza, la sensorialità e  l’unicità di cui il corpo è portatore.

 

Bibliografia:
- “I codici del piacere”- Austoni, Zatti Franco Angeli, collana di psico-sessuologia
-La salute sessuale del terzo millennio- Dichiarazione e documento tecnico. FISS- WA  (federazione italiana sessuologia scientifica, Word association for sexual health)