Cos’è

Il winter blues o depressione stagionale è un disturbo dell'umore innescato dalle variazioni climatiche e stagionali, in particolare dalla diminuzione della luce che naturalmente si presenta all’inizio o durante i mesi invernali. Il suo nome clinico è  “disturbo affettivo stagionale” (SAD) e fino al 5% della popolazione (specialmente negli stati del nord) potrebbe soffrirne.

 

Sintomi

È caratterizzato da una sensazione generalizzata di tristezza e da sentimenti simili alla depressione come senso di scoraggiamento, di inutilità, stanchezza, irritabilità;  può presentarsi associato a difficoltà di concentrazione, al consumo eccessivo di cibo e a variazioni del fabbisogno di sonno, sia  come ipersonnia (aumento) che come insonnia  (diminuzione).

L’elemento tipico e che la contraddistingue da altre forme depressive è l’andamento ciclico che, per la diagnosi, deve presentarsi per due anni, senza altri episodi depressivi frapposti.

 

Terapie

Ci sono diversi trattamenti che si sono dimostrati efficaci per la depressione stagionale, come:

- la “Terapia della luce” consiste nell’esporsi a luci di elevata intensità che producono effetti simili ai raggi naturali del sole e permettono di migliorare il tono dell’umore agendo sulla secrezione della melatonina;

- l’esercizio fisico, in particolare quello aerobico, ha dimostrato di poter contribuire non solo a combattere i sentimenti caratterizzanti la depressione stagionale, ma anche  di ridurre lo stress associato;

- il rilassamento, con massaggi, yoga, tai chi o altre tecniche meditative e di distensione, può rafforzare il legame mente-corpo e rinvigorire i sensi, portando ad una riduzione della sintomatologia della depressione stagionale;

- la regolazione dell’orologio biologico e quindi il mantenimento di un regolare ciclo sonno-veglia può contribuire a fornire al corpo il giusto equilibrio tra l’esposizione alla luce solare e a garantirgli un adeguato apporto di ore di riposo, elementi che contribuiscono a migliorare i vissuti depressivi anche agendo sulle regolazioni ormonali e neurotrasmettitoriali a livello cerebrale.

 

Se nessun trattamento evidenzia miglioramenti sulla sintomatologia depressiva, può essere opportuno consultare il medico di base o un professionista, come lo psichiatra o lo psicoterapeuta, per comprendere in modo più approfondito le cause del disagio ed individuare la terapia più indicata.