La vita sessuale del singolo e della coppia, correla fortemente con il concetto di salute fisica e psichica in generale.
La vita intima di una coppia può andare incontro a parecchie disfunzionalità e deflessioni, che riguardano sia la qualità che la quantità della vita sotto le lenzuola.
Esiste uno stretto legame tra sessualità e fisicità, tra desiderio di vivere l’intimità ed il rapporto con il corpo\psiche, sede di svariate emozioni, sensazioni, desideri.

Il desiderio sessuale e tutte le sua possibili declinazioni, viene spesso ad essere compromesso, se il corpo è in sovrappeso o se, da sede di possibile “piacere”, diventa sede di possibile “disagio o estraneità”.
La riduzione iniziale, fino alla possibile estinzione successiva della vita sessuale è spesso una conseguenza dell’obesità, quadro clinico da studiare approfonditamente  in correlazione alla dimensione della sessualità.

Lo studio svolto da Ronette L. Kolotkin, Martin Binks, Ross D. Crosby e  Ted D. Adams, investiga proprio il legame tra obesità e qualità di vita.


Questa ricerca, ha come obiettivo l’analisi della prevalenza delle difficoltà nella vitasessuale in un campione di partecipanti obesi ed in seguito , l’analisi dell’associazione tra la qualità della vita sessuale dei partecipanti e il rispettivo BMI (Indice di massa corporea), genere e tipo di trattamento seguito per l’obesità.

Allo studio ha partecipato un campione costituito da tre sottogruppi:

1) 500 partecipanti coinvolti in un programma intensivo volto alla perdita di peso e alla modifica dello stile di vita

2) 372 pazienti candidati a un intervento chirurgico di bypass gastrico

3) 286 soggetti di controllo obesi non coinvolti in alcun trattamento di perdita di peso.

 
I partecipanti hanno completato la Impact of Weight on Quality of Life-Lite (IWQOL-Lite), cioè una misurazione  della qualità della vita associata al peso.

Sono state considerate solamente le risposte ai quattro item della sottoscala Sexual Life (valutazione della dimensione del piacere sessuale , del desiderio, del rapporto sessuale in sè e dell’evitamento dell’intimità ) del IWQOL-Lite e sono state analizzate in base a BMI, genere e assegnazione al gruppo sperimentale.

Conclusioni

I risultati dell’analisi hanno mostrato un’elevata associazione tra BMI e ridotta qualità della vita sessuale. Le donne hanno riportato maggiori problematiche nella qualitàdella vita sessuale rispetto agli uomini obesi in tre item su quattro.

L’obesità, inoltre  è associata ad  una riduzione del piacere nell’attività sessuale, del desiderio sessuale, con notevoli  difficoltà nel rapporto coitale  e con una tendenza a evitare incontri amorosi.
Il disagio psico-corporeo investe il rapporto che il soggetto ha con se stesso, con la sua immagine allo specchio, con l’altro\a ed ovviamente con la sfera della sessualità e del raggiungimento del  piacere.

Un altro aspetto da non sottovalutare è la dimensione di stigmatizzazione, di discriminazione e pregiudizio che correla con l’obesità; tali pazienti vengono guardati, osservati, visti come “diversi” ed inadeguati, ancor di più oggi in un mondo di apparenza e scarsa sostanza psichica e caratteriale.

La combinazione di stigma e percezione negativa della propria immagine corporea può condurre a problemi nella qualità della vista sessuale. 

La dimensione dell’obesità e del difficile rapporto con la qualità della vita in generale e sessuale in particolare, necessita ascolti attenti e specialistici, diventa  necessario che le figure professionali di riferimento  si impegnino a creare un'atmosfera di accettazione profonda, un clima non giudicante, accogliente, al fine di instaurare un rapporto empatico ed importante che supporti i pazienti obesi, durante il loro difficile e faticoso percorso verso il cambiamento .

 

Fonte:

Obesity and Sexual Quality of Life

Ronette L. Kolotkin, Martin Binks, Ross D. Crosby,  Ted D. Adams

La Dottoressa Ronette L. Kolotkin, è un psicologa clinica americana, che ha approfondito tematiche  inerenti il rapporto tra  obesità e qualità di vita , membro della  American Psychological Association e membro dell’ International Society for the Study of Quality of Life

Il Dr.Ted D. Adams, si interessa prevalentemente di bypass gastrico e degli aspetti psico-fisici correlati all’intervento

Il prof. Martin Binks è uno psicoterapeuta, che si interessa di stress e qualità di vita.

Il Prof  Ross D. Crosby è un medico,  direttore dell’Università del North Dakona