No a gesti inconsulti.

AI COLLEGHI PSICOLOGI E PSICOTERAPEUTI di MI

Vi porto a conoscenza che alcuni di noi, psicologi e psicoterapeuti, hanno iniziato ad offrire un servizio di Assistenza Psicologica GRATUITA per tutte le persone colpite dalla crisi economica che vivono in uno stato di prostrazione e di forte disagio, e che non hanno la possibilità di ricorrere alle cure di psicologi.

Si tratta di mettere a disposizione della città, paese, comprensorio, circoscrizione, zona, in cui lo psicologo opera, un numero di ore settimanali a favore di quelli che hanno perso il lavoro, principalmente, e anche per chi vive la crisi con forte malessere psichico.

Ci sono stati casi di suicidi ch hanno scosso profondamente tutti.

Occorre offrire un servizio di emergenza nel proprio studio professionale del tutto gratuito per almeno due-tre ore settimanali.

Emergency è tornata in parte in Italia perché ci sono circa due milioni di persone che non hanno nemmeno la possibilità di pagare i ticket sanitari e quindi non accedono alle cure mediche necessarie e indispensabili.

Noi, psicologi e psicoterapeuti, potremmo aprire i nostri studi professionali a quanti , toccati fortemente dagli eventi, hanno bisogno di esternare i loro stati d’animo e le loro situazioni di disagio che possono anche portare a gesti inconsulti.

È vero che non sarà facile conoscere le persone a rischio, quelle che possono ricorrere ad atti del genere, ma almeno la popolazione potrà sapere che per tutti coloro che mancano di mezzi finanziari, ci sarà nella loro zona uno psicologo a cui rivolgersi per ottenere gratuitamente le cure necessarie per il loro caso...”