Il preservativo al momento è la migliore protezione dalle malattie a trasmissione sessuale, ma non elimina il rischio al 100% (per esempio a causa di uso scorretto o microlesioni). 

In Australia e in altri Paesi, prossimamente, sarà possibile trovare in vendita un preservativo contenente un gel che elimina i virus che causano malattie sessualmente trasmissibili.

Esse, sono in genere causate dalla trasmissione di batteri, virus, parassiti o funghi che passano da un corpo all’altro attraverso il contatto della pelle (o delle mucose genitali) o con liquidi organici infetti (in alcune malattie anche la saliva)“.

E benché “la via di contagio sia principalmente sessuale, talvolta vengono colpiti anche altri organi oltre a quelli genitali e si può arrivare alla morte dell’individuo colpito, o a lesioni permanenti. Inoltre, purtroppo, si possono trasmettere anche dalla madre al feto, durante la gravidanza, o dalla madre al neonato con l’allattamento.

Il nuovo condom sarà una doppia protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili; incorpora un gel che, nei test di laboratorio, ha mostrato di inattivare più del 99% dei virus come l’Hiv, responsabile dell’Aids, l’Herpes simplex che causa l’herpes genitale, e il virus del papilloma umano. 

Il prodotto antivirale, il cui principio attivo si chiama VivaGel, è stato sviluppato dall’australiana Starpharma ed è incorporato nel lubrificante del condom. Ora i preservativi “trattati” hanno ricevuto il Conformity Assessment Certification dalla australiana Therapeutic Goods Administration, responsabile della regolazione di tutti i prodotti con usi terapeutici. Il profilattico potrà così essere lanciato sul mercato tra qualche mese in Australia; il condom VivaGel ha già ottenuto una certificazione in Giappone e le richieste sono state presentate per diversi altri mercati, anche europei. 

Il gel antivirale si basa sulla nanotecnologia: l’ingrediente attivo del gel è composto da milioni e milioni di molecole “nane”. Queste strutture ramificate tridimensionali perfettamente simmetriche si avvinghiano attorno ai virus di HIV,HPV ed herpes genitale impedendo che queste si leghino alle cellule umane e, quindi, causino infezioni.

L’obiettivo del gel, dicono i rappresentanti della Starpharma, è ridurre il numero di particelle virali a cui la persona è potenzialmente esposta, abbassando ulteriormente le possibilità di infezione: una difesa in più oltre al preservativo.

L’uso del preservativo è sempre una buona cosa per evitare la trasmissione di malattie sessualmente trasmissibili.

 

Fonte: Daily Mail