Il temperamento è l’insieme delle potenzialità grezze ricevute come corredo genetico in un individuo. Fin dai tempi antichi, il medico greco Ippocrate (V sec. A.C.) ne proponeva quattro tipologie: nervoso, collerico, sanguigno e flemmatico. Più recentemente (metà anni del ‘900) il medico statunitense W. H. Sheldon trovava le radici del temperamento nei tre foglietti embrionali che si formano nei primi stadi di vita (embriogenesi).

QUADRO TEMPERAMENTALE DI SHELDON

TIPI FISICI

TIPI CARATTEROLOGICI

Ectomorfico (Cerebrotonico): Delicato, ossa piccole, muscoli poco sviluppati, nervi deboli.

Prevalentemente intellettuale, chiuso nel proprio io, introverso. Nervoso, irritabile, timido, inibito. Nemico delle grida, delle esplosioni improvvise, delle manifestazioni rumorose.

Endomorfico (Viscerotonico): Predominio della massa viscerale. Il corpo sembra costruito intorno al sistema digestivo. Grosso, rotondo e con tendenza all'obesità.

Prevalentemente affettivo, espansivo, estroverso. In genere allegro, entusiasta, socievole. Amabile per natura, ricerca la compagnia e le riunioni rumorose.

Mesomorfico (Somatotonico): Predominio della struttura ossea e muscolare del corpo. Ossa e muscoli bene sviluppati e forti.

Prevalentemente attivo, energico, aggressivo. Vive per agire, per organizzare, per dominare. Si difende dagli affanni e dalle preoccupazioni quotidiane col lavoro assiduo e operoso.