Anche l'uomo finge l'orgasmo.
La difficoltà a raggiungere l’orgasmo, detta “anorgasmia”, non è un disturbo sessuale esclusivamente  femminile, ma si estende sempre più frequentemente  alla sessualità maschile.
La sessualità diventa ginnica, estenuante, noiosa e non giunge mai o quasi mai al raggiungimento dell’orgasmo. L’uomo, che ne soffre, si percepisce inadeguato, sia nei confronti di se stesso, che della partner, che a sua volta non si sente né sufficientemente attraente, né una buona amante.
L’uomo che ne soffre,non riesce a lasciarsi andare all’esperienza totalizzante dell’orgasmo e, mantiene un iper-controllo cosciente, sia del coito, che del piacere, che ovviamente stenta ad arrivare. Nel linguaggio comune, si tende ad identificare l “eiaculazione” con “orgasmo”,i due termini non sono affatto sinonimi: l’eiaculazione è caratterizzato dalle contrazioni che portano alla fuoriuscita del liquido seminale, mentre l’orgasmo è l’esperienza mentale caratterizzata da sensazione di massimo piacere.
Così come spesso fanno le donne, anche gli uomini fingono sotto le lenzuola, celando la mancanza risposta orgasmica o, con l’aiuto del profilattico o, nei casi in cui l’eiaculazione non è compromessa, fingendo un orgasmo inesistente.
Nonostante questa disfunzione sessuale, non sia visibile ed alleata nell’immaginario maschile , a potenza e durata, necessita di diagnosi clinica ed adeguata terapia psico-sessuologica.