Ti è capitato di soffrire di vuoti di memoria, di una sorta di annebbiamento mentale o di fare fatica a concentrarti su una attività che stai svolgendo? 

Se stai seguendo una chemioterapia o ti sei sottoposta a questo tipo di trattamento (persino molto tempo fa) per la cura del tumore, sappi che è normale. Infatti, non sei tu ad essere cambiata improvvisamente ma è un effetto collaterale dovuto alla chemio. 

Questo effetto è chiamato in medicina Chemo Brain, è un'alterazione dell'attività cerebrale che porta la persona a sperimentare un deficit delle funzioni cognitive ovvero problemi di attenzione, concentrazione e nella memoria a breve e a lungo termine. 
Le sue cause sono da imputare alla neurotossicità dei chemioterapici che, ricordiamo, dipende dal tipo di farmaco assunto, dallo schema terapeutico seguito e dalla personalissima reazione e risposta che il nostro corpo può avere (non è detto che tutti i pazienti che assumono lo stesso farmaco, hanno effetti collaterali uguali). 

Come puoi affrontare il chemo brain?
Tenendo sempre in considerazione che mente e corpo non possono essere separati e che l'uno ha influenza sull'altro, per vedere un miglioramento delle funzioni cognitive bisogna agire su noi stessi in toto. 

MIGLIORA IL TUO STILE DI VITA

  • Prediligi cibi freschi e integrali; scegli pane e cereali ad alto contenuto di fibre, compresi riso, orzo e avena;
  • Evita cibi raffinati, come le ciambelle e il pane bianco e quelli ad alto contenuto di zucchero che hanno un impatto negativa anche sul tuo umore;
  • Limita il consumo di alcol e fumo. Gli uomini non dovrebbero bere più di due alcolici al giorno; le donne non più di una
  • Bevi molto.
  • Evita la vita sedentaria e per fare del bene al tuo apparato osteo-articolare e migliorare la flessibilità di articolazioni e colonna vertebrale, preferisci attività dolci come yoga o pilates, lunghe passeggiate, stretching che, oltre a ridurre la tensione muscolare ti aiutano a combattere la fatigue cioè la stanchezza causata dalle terapie.
  • Pratica la mindfulness che ti aiuta a rilassarti ma anche a fare attenzione e a diventare consapevole sulle cose che provi.

 

TIENI UN DIARIO
Scrivere su un diario tutti i giorni è un gesto tanto semplice quanto prezioso. 
Dividi una parte di esso per segnarti ed elencare le cose da fare. Innanzitutto perché stimola e tiene in allenamento le tue funzioni cognitive, secondo poi ti supporta nell'organizzarti la giornata e il lavoro, nello stabilire la priorità e le cose che hai da fare. 
Se ti ci dedichi ogni sera, prima di andare a dormire, noterai anche che la tua eventuale agitazione pre addormentamento si acquieterà.
In generale sarà uno strumento che aumenterà la tua sensazione di star meglio. 

Conserva un altra parte del diario per annotare quello che provi, per liberarti delle tue sensazioni ed emozioni 

 

FAI COSE PICCOLE MA CHE TI FANNO STARE BENE

  • Guarda i tuoi film o le tue serie tv preferite
  • Prendi un caffè, o resta in contatto con i tuoi amici
  • Vai ad una mostra, al cinema o ad un evento che ti interessa
  • Fai le coccole al tuo gatto o esci con il cane 
  • Leggi, leggi, leggi, possibilmente cose semplici e non troppo impegnate, mano a mano riprenderai il ritmo
  • Dedicati ai fiori e alle piante, vai nei vivai, coltiva (per quanto puoi) il tuo piccolo orto rilassante
  • Cerca nuove cose interessanti da fare
  • Fai ricerche su internet purchè non riguardino la malattia
  • Compra la settimana enigmistica, al cellulare o al tablet preferisci giochi in cui puoi essere attiva (giochi di memoria, di numeri) e non passiva (candy crush)
  • Gioca a carte, non da sola ma con altre persone. Iscriviti a un torneo di burraco! 

Fai tutto ciò che puoi ripetere giornalmente e che pensi possa stimolare e tenere attiva la tua testa.
Coltiva la tua curiosità e il tuo benessere, non essere passiva, agisci perché solo così allenerai la tua mente e troverai nuovamente la fiducia in te stessa. Non sottovalutare il potere magico dei piccoli momenti di felicità. 


 

Illustrazione: Otto Kim