Pensieri antipanicoLe persone che non soffrono di ansia né di attacchi di panico, equilibrano meglio i pensieri ansiogeni (che generano ansia) con i pensieri ansiolitici (calmanti), diversamente da chi invece è in perenne stato ansioso.

Dinanzi ad una stessa circostanza o evento, la mente può formulare pensieri differenti. Ad esempio, 

Situazione: ESAME // INCONTRO DI LAVORO

Esempio di pensiero ansiogeno: 

  1. Non ce la farò mai, sarà troppo difficile per me
  2. Sicuramente mi chiedono quello che non so e sarà un casino
  3. Se non passo questo esame, non andrò più avanti
  4. Si accorgeranno che sono agitato e penseranno che non sono preparato
  5. Mi tremerà la voce e mi sentirò male, se ne accorgeranno tutti e farò una pessima figura 
  6. Mi andrà male come l'altra volta, anzi, come al solito
  7. Stavolta deve andare per forza o non riuscirò più a farcela
  8. Deluderò tutti

Esempio di pensiero ansiolitico: 

  1. Proverò a fare quello che posso o del mio meglio, sicuramente ci metterò tutto il mio impegno
  2. Già altre volte mi è successo di sentirmi così in tensione e d ansioso, ma poi alla fine me la sono cavata
  3. Se non dovesse andar bene, può capitare, in qualche modo ripartirò
  4. Mi sento in ansia, ma questo può darmi la carica per provarci 
  5. In qualche modo troverò una soluzione, in qualche modo ce l'ho sempre fatta
  6. Ce l'ho messa tutta e per questo ci proverò
  7. Se non dovesse andar bene, ci resterò male ma sopravviverò e... pazienza avrò un'altra occasione per provarci
  8. Per tutti ci può essere il 50% di possibilità che vada bene o male, in ogni caso almeno ho tentato

Questi pensieri che placano l'ansia (o anche i pensieri neutri: "questa prova agiterebbe chiunque") hanno l'obiettivo principe di NORMALIZZARE quella situazione/evento spaventate o che crea ansia. Puntano a ridurre la tensione, a sdrammatizzare quello che si sta vivendo e sono un tentativo di recuperare la capacità razionale della mente per fronteggiare e per organizzarsi di fronte in una specifica circostanza. 

Bibliografia:

  • Pensieri terapeuti di Massimo Biondi, Alpes Editore. 
  • Illustrazione: Otto Kim