Resilienza

 

La felicità è un affare serio. Ispirati dal movimento psicologico positivo istituzioni stimate come Stanford e Yale offrono classi di felicità, ma questa infatuazione con i bei tempi crea solo confusione su cosa significhi riuscire, e quali competenze abbiamo bisogno per prosperare.

La psicologa Anna Rowley, consulente dei dirigenti di Microsoft e di altre società, evita completamente la parola "felicità". Crede che la resilienza sia l'abilità più importante da coltivare, dato il rapido tasso di cambiamento economico e tecnologico. 

Sentirsi bene quando va tutto bene é bene, ma è fugace. Imparare a gestire le difficoltà, al contrario, migliora le tue possibilità di sentirti di nuovo bene. È molto più utile che aggrapparsi a un'illusione.

Non possiamo essere sempre felici. Il piacere è uno stato relativo, contrastato dal disagio e dal dolore. Tra momenti fugaci e piacevoli sono molti quelli stimolanti che rendono la felicità un sollievo. Quindi, per essere felici, devi prima imparare ad essere forte; riprenderti dopo una caduta, staccarti dalla tristezza quando non ci riesci, e trovare la volontà di persistere invece di sentirti depresso quando le cose vanno male, come spesso succede.

 Gli psicologi dicono che la resilienza è un'abilità che può essere sviluppata, non un talento di persone uniche. Viene sempre più insegnato ad adulti e bambini. Ad esempio, a Silver Spring, nel Maryland, gli ansiosi alunni della quinta elementare partecipano a un corso intensivo di 12 settimane chiamato Resilience Builder Program. La classe è stata sviluppata dalla psicologa Mary Alvord, che dice: "Penso che sia così importante che i bambini sappiano di avere il potere di apportare cambiamenti. Anche se non possiamo controllare tutto sulla nostra vita, possiamo controllare molte sfaccettature. "

Mary Alvord sostiene che "il mondo intero migliora" quando gli studenti imparano la resilienza. La sua classe insegna loro la comunicazione, la gestione dello stress e la risoluzione dei problemi emotivi attraverso attività come lo yoga, le sciarade e lo storytelling sulle lavagne.

Nieves raccomanda di creare "momenti di consapevolezza" in classe che "onorino" gli stati emotivi degli studenti mentre insegnano loro come lavorare con sentimenti difficili. Questo potrebbe significare permettere ai bambini di riflettere in silenzio, alzarsi in piedi o condividere sentimenti. Quando i momenti di consapevolezza sono finiti, è più facile per tutti staccarsi dagli stati emotivi sfidanti e concentrarsi sul proprio lavoro.

Per gli adulti, lo sviluppo della capacità di recupero potrebbe fare la differenza tra mantenere un posto di lavoro o perderlo. Un piccolo studio del maggio 2018 dei ricercatori del Center for Healthy Minds dell'Università del Wisconsin-Madison, pubblicato su Frontiers for Psychology , ha rilevato che solo due settimane di "meditazione compassione" hanno reso i soggetti più resistenti di fronte alla sofferenza umana, nel senso che sono stati in grado di guardare a lottare in modo non giudicante e rispondere con compassione piuttosto che diventare essi stessi sconvolti.

Ai partecipanti è stato assegnato in modo casuale una "meditazione di compassione" quotidiana di 30 minuti o un esercizio di reinterpretazione delle emozioni personali e negative. I meditatori della compassione hanno imparato a visualizzare se stessi e gli altri a soffrire ea considerare le persone con cui hanno avuto conflitti, ma non a giudicare i loro stati emotivi problematici, solo per accettare e affrontare le proprie emozioni e augurare il bene alle persone. Dopo due settimane, entrambi i gruppi hanno esaminato immagini neutre e foto di persone sofferenti - come un bambino che muore o una vittima di ustioni - mentre si sottopongono a scansioni cerebrali. I ricercatori hanno monitorato i loro movimenti oculari e hanno chiesto cosa stavano pensando i soggetti dello studio.

Le persone che avevano praticato la meditazione della compassione erano in grado di guardare la sofferenza nelle immagini negative mentre mostravano meno attività nell'amigdala, nell'insula e nella corteccia orbitofrontale, aree del cervello che sono attive durante il disagio emotivo. I meditatori non erano solo più calmi, avevano anche più compassione per i soggetti delle foto rispetto agli altri gruppi, che tendevano a ridefinire le situazioni con nozioni del tipo: "Questa persona non soffre - è solo un attore".

Puoi superare gli stati d’animo negativi, ribellarti alla parte di te che ti sabota. I ricercatori concludono che la meditazione sembra sviluppare la capacità di recupero nei professionisti: un tratto fondamentale per le persone che aiutano le professioni, come i medici e le forze dell'ordine. Dicono che i risultati indicano che la compassione è un muscolo che può essere sviluppato e allenato, il che rende le persone più resilienti e alla fine più capaci di fronte alle sfide.

Anche se il tuo lavoro non coinvolge le persone, incontri ostacoli, delusioni e frustrazioni ogni giorno, socialmente e professionalmente. Questi possono distrarre, ma avere capacità di recupero è una vittoria, anche se vedi solo quelle piccole vittorie giornaliere. La tua ricompensa non riconosciuta è che vai avanti.

"La resilienza è un atto personale di sfida", scrive l'autore Jesse Sostrin , che dirige il programma di coaching della leadership esecutiva presso la società di revisione PwC. Diventando consapevoli delle emozioni e del dialogo interno e del ruolo che stanno giocando nelle tue azioni, puoi superare stati negativi, ribellandoti contro la parte di te che ti sabota.

La resilienza "influenza tutto", secondo Sostrin, comprese le capacità di risoluzione dei problemi, il benessere fisico, mentale ed emotivo e l'innovazione. "La resilienza è come una super-competenza, che influenza molte altre abilità e abilità correlate che è necessario implementare per affrontare le situazioni sfidanti."

Recuperare conta più della felicità perché la vita è dura. Tutti cadono o sono abbattuti. Ma non tutti stanno giù.

Considera il caso di Hari Budha Magar. È il primo amputato sopra il ginocchio bilaterale a raggiungere un picco più alto di 19.000 piedi, e ha in programma di scalare l'Everest nel 2019. Magar, un ex soldato nell'esercito nepalese, ha perso le gambe in un'esplosione in Afghanistan. Naturalmente, è stato devastato. "Dopo l'esplosione, non sapevo cosa fare, come vivere o cosa sarebbe accaduto dopo [...] La metà del mio corpo era sparita, ea quel punto non mi importava se anche l'altra metà se ne andava" dice a Tricycle .

Da allora, dice Magar, ha scoperto che "la capacità è nella mia mente, non le mie gambe", e afferma anche di non aver "perso molto". Le limitazioni vengono create e distrutte nella mente, sostiene Magar. "Certo, ho bisogno di porte e bagni più grandi e devo fare affidamento su una sedia a rotelle e corrimano, ma la vita riguarda l'adattamento", spiega. "Quando qualcosa non funziona nel modo in cui ci aspettiamo, troviamo diversi modi di fare le cose".