Nell'ambito dei vari esami preoperatori per la scleroembolizzazione retrograda del varicocele maschile l'ecocolordoppler testicolare riveste fondamentale importanza. Abbiamo notato che su circa 500 pazienti "operandi" inviati da altri Centri come positivi per varicocele sinistro conclamato (clinico di I°-II° grado o Sarteschi III°-IV°) ben 150 (circa il 30%) non avevano alcun varicocele mentre solo in un piccolissima percentuale il varicocele stesso era stato sottostadiato (< al 3%).

Per inciso, al contrario, la sottostadiazione incrementa significativamente invece per il varicocele sul lato destro.

L'esigenza di rieseguire il doppler prima delle scleroembolizzazione era stata semplicemente dettata dalla frequenza "iniziale", del tutto inattesa, di flebografia normale in pazienti inviati all'intervento di scleroembolizzazione.

Questi sono dati  che riguardano una ristretta zona geografica (Salento) e pubblicati su un poster (premiato) all'ultimo congresso SIRM tenutosi a Trani nella primavera 2011.

Ritenevo importante fornire questo messaggio poichè nell'ambito di una programmazione per sterilità di coppia una tale frequenza di falsi positivi Doppler per varicocele (se "proiettati" su scala nazionale) potrebbe inficiare qualsiasi strategia d'azione.