Sono stato un allievo di Carlo Cannella, del Prof. Carlo Cannella, probabilmente uno fra i più grandi scienziati di tutti i tempi nel campo della Nutrizione umana.

Ricordo le sue lezioni, da studente di Medicina, nelle "aulette blu" della Sapienza di Roma; lezioni gremite all'inverosimile, moltissimi posti in piedi, tutti noi studenti anelanti le chiare parole di chi poteva spiegarti la Fisiologia del metabolismo nutrizionale e - in fondo - tante nozioni di Medicina senza poi dover sgobbare sui libri, tanto chiari i concetti, tanto addirittura lapalissiane le interconnessioni.

Ma non era certo uno qualunque, Carlo Cannella, il nutrizionista famoso per la costante apparizione in SuperQuak del grande Piero Angela; Egli  era - parere di un allievo - mente lucida e fresca.

Se ne va così, inaspettatamente, uno dei più grandi e famosi Medici Romani, di quella Roma universitaria di altri tempi, fatta di lavoro, garbo e scienza medica.

Sono fiero di aver ascoltato le sue lezioni, da giovanissimo studente di Medicina e lo ricorderò sempre come l'esempio di un Grande Medico romano ed italiano che ha saputo coniugare perfettamente la Scienza Medica con l'Arte della Comunicazione:

"non sei un saggio, se non sai comunicarlo agli altri" : e Lui lo è stato.

Addio, Professore.