Recentemente ho letto, purtroppo su questo sito, il parere di uno psicologo che scrive:

<<Che cos’è l’empatia? È la capacità di leggere i sentimenti e le emozioni dell’altro, un processo d’immedesimazione che ci rende partecipi del suo mondo psichico.

Dato che si sta parlando di sentimenti ed emozioni, è evidente che un terapeuta sarà più capace di empatia, cioè di capire meglio l’altro, quando potrà vedere i segni indicatori delle emozioni svolgersi davanti a sé: l’espressività del volto, dei movimenti, della postura, del modo di parlare della persona.>>

E sin qui siamo d’accordo, ma poi...

<<Può esistere una cosa come l’empatia online? Con i mezzi telematici odierni è possibile connettersi in videoconferenza attraverso internet, in modo economico e alla portata di tutti. Potrebbe sembrare, quindi, che colmato il gap visivo e auditivo con una videocamera e una connessione Adsl, fosse possibile riprodurre la stessa situazione di quando si è di fronte l’uno all’altro.

Ebbene, non è così. Fra le varie aree che studiano la comunicazione non verbale ne esiste una, la prossemica, che analizza gli effetti della distanza sulle relazioni interpersonali.>>

<< Parlare di “empatia online” è pertanto fuorviante. L’empatia, per definizione, ha bisogno di vedere sull’altro i segni delle emozioni mentre queste si svolgono, in tempo reale, cosa che non può avvenire per email.>>

Ma quando mai!!! L'empatia non ha assolutamente bisogno di “vedere(*)”!

_____________________________________________________________

*A proposito di vedere (siamo ancora a sostenere i "neuroni a specchio" ?) ho ricevuto questa mail da parte della dr.ssa Chiara Schiroli, psicoterapeuta non vedente, che ha visto, con i mezzi suoi, questo blog e che mi scrive :

>>E' molto interessante questo dibattito. Mi ci aggiungo solo per evidenziare un piccolo dettaglio che a mio avviso complicherà un po' le cose. Io sono non vedente, quindi sono abituata a non vedere le persone che ho davanti, amici e pazienti. Il non vederle, però, non mi rende immune dal "contagio" emotivo che posso assorbire da loro. In fondo, un'emozione la si percepisce non solo con lo sguardo, ma anche con tutti gli altri sensi: modo di parlare, atteggiarsi e così via. 
Per questo non sono così convinta che la psicoanalisi classica freudiana rendesse i terapeuti così immuni dalle emozioni degli altri. 
A presto.

Chiara  Schiroli

io aggiungo [66, 67, 68]

_________________________________________________________________

Negli ultimi anni lo sviluppo sulle definizioni di empatia, riflesso in molti articoli, editoriali e libri, ha modificato questa concezione (**)

Certamente la prossemica facilita la comunicazione empatica perchè favorisce il “riconoscimento” dei pensieri e sentimenti di altri, ma ormai buona parte della letteratura accreditata viaggia in una direzione del tutto differente, perché non basta riconoscere, è più importante avere la “capacità di rispondere” con un sentimento corrispondente.

La capacità di rispondere viene facilitata dalla prossemica, ma non è necessario essere presenti, perché si attivi il circuito dell’empatia, tant’è che molti pazienti cambiano il curante e lo psicologo perché non hanno trovato questa capacità nell’altro versante reale.

1) La prossemica facilita il riconoscimento ma non c’entra nulla con la capacità di rispondere!

[diapositive che utilizzo nei miei Corsi e Master sulla relazione medico-paziente a riprova del fatto che anche il sottoscritto tenga in gran conto il contesto, il setting, in cui si svolge la relazione. In così gran conto che introducendo  il tema del contesto della relazione mostro persino le foto  del Toguna' da me scattate durante le gare nel deserto del Mali http://www.senosalvo.com/il_deserto_parte_IX.htm attraversando la terra dei Dogon, popolo primitivo e mistico. 
Il togunà, che vuol dire casa della parola, è una sorta di gazebo costruito con dei pali di legno intarsiati con molta fantasia dove il seno rappresenta il simbolo della fertilità. E' ricoperto da uno spesso tetto di foglie di miglio e la sua struttura non è casuale, perché al fresco di questo gazebo  vengono prese le decisioni più importanti del villaggio. L’altezza del gazebo è studiata per evitare che accese decisioni degenerino in risse poiché è impossibile alzarsi senza sbattere la testa.]

Si può tenere sulle ginocchia il paziente e far finta di abbracciarlo e non accendersi affatto il circuito dell’empatia. Medici e psicologi spesso sono accusati di essere superficiali e frettolosi ed incapaci di trasmettere empatia pur se seduti a 20 cm di distanza dal paziente.

Sì, perché si tratta proprio di un circuito  che fa capo ad una unità anatomo-funzionale.

O funziona o non funziona, anche se, quando funziona, i livelli di empatia sono variabili dal basso livello, al medio, e alto livello. Baron-Cohen addirittura in previsione delle conclusioni degli studi che si occupano di empatia ha previsto che in futuro il livello di empatia zero sarà probabilmente sostituito dal termine "male".

I medici nazisti torturavano milioni di ebrei di persona e non certo attraverso la rete virtuale ed erano capacissimi di “riconoscere” le sofferenze delle loro vittime.

Gli autori dei femminicidi riconoscono benissimo le sofferenze delle vittime, anzi proprio il riconoscimento di queste costituisce l'arma principale di ricatto per tenerle in pugno per anni.

Si può viceversa risiedere oltreoceano e non aver mai conosciuto l’interlocutore e mandare lo stesso in fibrillazione il circuito dell’empatia, indipendentemente quindi dalla prossemica.

2) Questo è un bell’esempio di empatia virtuale

medicitalia.it/.../Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno e come esperimento lo porteremo a termine (e vedremo cosa accadrà) con i partecipanti a questa discussione il 21 novembre 2013 a Milano.

In questa discussione le pazienti  definiscono bene il concetto di empatia. Ad es. "Tramite lo strumento telematico mi sento più libera di esprimere emozioni  che neanche al mio psicologo "vis a vis" riesco a trasmettere. E poi lo posso fare in tempo reale perchè posso scriverle nel momento in cui si manifestano, mentre con lo psicologo devo aspettare il giorno dell'appuntamento ".

E' anche un bell'esempio di Auto-Mutuo-Aiuto-Virtuale

 

Definizione di empatia

Ormai riguardo all’empatia se proprio vogliamo considerare una definizione, quella più semplice, ma comprensibile possiamo partire da :

  • C’è empatia quando smettiamo di focalizzare la nostra attenzione (single-minded), per adottare invece un tipo di attenzione “doppia” (double-minded).

Single minded vuol dire prestare attenzione solo alla propria mente, ai propri pensieri o alle proprie percezioni. Avere una attenzione doppia significa tenere allo stesso tempo anche in considerazione la mente di qualcun altro.

Quando l’empatia è spenta, pensiamo solo ai nostri interessi. Quando l’empatia è accesa, ci concentriamo anche sugli interessi di altre persone.

Questa definizione non tiene conto del rapporto tra empatia e cervello, cioè ignora il processo ed il contenuto di ciò che accade durante l’empatia. Ciò che qualcun altro sta pensando o provando e di rispondere a quei pensieri e sentimenti con una emozione corrispondente.

Per semplificare allora possiamo dire che la empatia è la nostra capacità di identificare ciò che qualcun altro sta pensando o provando e di rispondere a quei pensieri e sentimenti con una emozione corrispondente. Ora è chiaro che di persona sia più facile la fase di riconoscimento (leggendo sul volto ad esempio il chiaro riflesso dei pensieri), ma è molto più importante la capacità di rispondere con una emozione corrispondente. E questa o c’è o non c’è, come hanno dimostrato numerosi studi che hanno utilizzato la Risonanza Magnetica Funzionale che identifica le sedi che si “accendono” in caso di risposta empatica [(Functional Magnetic Resonance Imaging (fMRI)].

Altre importanti conferme derivano da numerosi studi, alcuni ancora in corso, che hanno studiato un campione di soggetti morti e che in vita avevano avuto questo singolare comportamento.

  • Miti, educati, moderati per tutta la vita sino a che hanno avuto un incidente con trauma cranico importante che aveva compromesso alcune sedi anatomiche provocando un radicale cambiamento dei comportamenti .

Cioè dopo l'incidente questi soggetti diventavano

  • maleducati, sboccati, asociali e senza alcuna inibizione sociale.

Alcuni Centri di ricerca [in particolare quello di Hanna Dammasio (Yowa U.)] hanno potuto esaminare i crani, ben conservati, dopo la morte di questi soggetti, e tramite le moderne tecniche di neuroimaging hanno dimostrato che questi soggetti “avevano perso l'empatia”, si fa per dire!

Pertanto l’empatia, compresa quella virtuale, sulla base di tutti gli studi più accreditati è negata solo... da chi non ce l’ha!

Parte di questi concetti è possibile approfondirli su The Science of Evil. Ora c’è disponibile anche l’edizione italiana

Oppure si può approfondire questo tema su “qualche” studio originale, ne allego “alcuni”, tra i tantissimi, riferimenti.

__________________________________________________

(**) Quando nel 2011 ho pubblicato su questo sito un mio studio quinquennale sul consulto online elaborando i dati del Rating raccolti in 5 anni

http://www.medicitalia.it/salute/consulti-online-in-senologia

sono rimasto molto sorpreso che gli utenti in numero significativo (10%) dei casi valutassero "empatico" il ruolo del consulente virtuale. Incuriosito, ho allora scritto una mail al Prof. Andrea Pinotti, che insegna Estetica alla Statale di Milano che aveva appena pubblicato  un bellissimo libro [51] dal titolo EMPATIA, storia di una idea da Platone al post-umano, ma  già in passato aveva scritto altre monografie su questo tema (Estetica ed empatia....).

Il prof. Pinotti, tutt’altro che sorpreso, mi  diede una risposta articolata, il cui stralcio è riassunto nella tabella a seguire, allegandomi nello stesso tempo altra bibliografia a riprova che su questo tema esiste GIA' letteratura  [52 ] :

  • "Credo che quei risultati che mi comunica vadano in direzione di una trasformazione dell'esperienza empatica nell'epoca della comunicazione telematica.
  • L'empatia , che pensiamo sempre come basata su una comunicazione vis a vis, va pensata come una capacità elastica, capace anche di assimilare le possibilità offerte dai dispositivi elettronici di comunicazione a DISTANZA ."

__________________________________________________

L'equivoco sull'empatia virtuale e la sua maldestra negazione, probabilmente nasce dal pregiudizio fondato sul nulla che Internet non trasmetta emozioni.

Ho allegato nella bibliografia il link di un sito [69]   www.empathybell.org

Provate a visitarlo. Forse qualche idea preconcetta sulla definizione di empatia potrebbe essere rivisitata.

Ci troverete una dettagliata descrizione  del simulatore di gravidanza "Pancia empatica" (The Empathy Belly Pregnancy Simulator), che promette di farvi provare che cosa voglia dire essere incinte. Si tratta di un dispositivo a più componenti, che non si limita a dotarvi di una pancia pesante e di un seno gonfio da indossare, ma che attraverso un'accurata simulazione medica, vi mette in grado di fare esperienza di più di venti sintomi tipici della gravidanza, fra i quali aumento di peso, calci e stiramenti degli arti del feto; il respiro corto; l'aumento della pressione sanguigna, l'accelerazione del polso e l'innalzamento della temperatura corporea; la pressione sulla vescica e lo stimolo frequente a urinare; il mal di schiena; lo spostamento del baricentro e l'ondeggiamento nella camminata; l'affaticamento e l'irritabilità and.........."much, much more" . Stranamente non ci sono le nausee.

L'applicabilità è indicata soprattutto per il compagno che voglia rendersi conto in maniera più consapevole di quello che sta provando la partner. Per la prima volta può sperimentare cosa voglia dire muoversi per molti mesi con un pancione e due seni che scoppiano ed una colonna vertebrale  sottoposta alle sollecitazioni del peso, piantata come una spada conficcata sulla schiena. Se non scoppia un incendio empatico nei confronti della partner forse è preferibile lasciarlo al suo destino a gravidanza portata a termine.

La ditta che lo produce si rivolge a medici ed educatori, offrendo loro uno strumento didattico straordinariamente efficace, soprattutto per la formazione del personale  medico e paramedico ostetrico impegnato nel counseling prenatale.

Lo strumento viene offerto  (è questo è importante) anche ad attrici che devono recitare una parte di donna gravida e forse anche ad attori, se pensiamo a Marcello Mastroianni nel "Niente di grave : suo marito è incinto" o a Schwarzenegher in "Junior".

Ma se non avete più desideri di gravidanze, nello stesso sito potete acquistare on line i "polmoni empatici" ("Empathy lungs") un simulatore di COPD (Chronic Obstructive Pulmonary Disease) che vi procura i sintomi dell'enfisema, della brochite cronica e dell'asma. La filosofia educatrice per i fumatori incalliti è " Mostramelo coinvolgendomi e lo terrò a mente".

Qui con pancia e polmoni, l'empatia è evidentemente intesa in senso molto fisico e anatomico, sintomatico e - al di là di certe ironie che potrebbe suscitare- è certamente un caso estremo ma che opportunamente ci ricorda che forse troppo spesso tendiamo a fare dell'esperienza empatica un momento affettivo tutto fatto di di spiritualità ed interiorità, finendo così per trascurare che l'affetto ha sempre e comunque un risvolto corporeo, che l'emozione è moto dell'animo e insieme movimento somatico, che il senso complessivo del sentire è al contempo sentimento e sensazione.

In tal senso parlavo di "scippo" dell'empatia da parte della psicologia quando cerca di appropriarsene in esclusiva nonostante "l'empateia" fosse stata coniata dal teatro greco ed estesa alla medicina greca 2467 anni prima che venisse valorizzata dalla psicologia.

 

Bibliografia

1) Adolphs R., Damasio H. et al “A role for somatosensory corticices in the visual recognition of emotion as revealed by three-dimensional lesion mapping. “ In Journal of Neuroscience, 2010

2) Baron Cohen S. et al.”Intense negotiation wil not necessarily work: Intense empathy will” In The Jewiwish Cronicle 2009

3) Baron Cohen S. et al. “ The systemizing Quotient (QS9) 2009 Ph.Tr. Biological Science

4) Baron Cohen S. et al. 2The empathy Quotient…2004 Journal of autism and Developmental Disordres

5) Beer J.S. et al “The regulatory function of self-conscious emotion” J. of Personality and social Psichology 2003

6) Beer J.S. et al “ Orbitofrontal cortex and social behavior “ In British J.of Psichiatry 2006

7) Blair et al. “ Emotion and the Brain” Blackwell, Oxford 2005

8) Bogod D. “ The Nazy hypotermia experiments “ In Anaesthesia 2004

9) Bufalari et al.”Empathy for pain and touch in the human somatosensory cortex” In Cerebral Cortex 2007

10) Campbel et al. “ “Sensitivity to eye gaze in prosopagnosic patients and monkeys with superior temporal sulcus ablation” In nNeuropsycologia 1990

11) Carr L.M et al. “Neural mechanisms of empathy in humans…” In Pr. National Academy of Sciences of USA. 2003

12) Chapman E. et al “ Foetal testosterone and empathy .Evidence from the Quotient Empathy (EQ) …2 “ In Neuroscience 2006

13) Davis M.H. “ Measuring individual differences in empathy. …” In Journal of Pers and Social Psycology 1983

14) Decety J. et al “ Athipical empathic responses in adolescents with aggressive conduct disorder..” In Biological Psycology 2009

15) Donaldson Z.R et al. “Oxytocin, vasopressin, and the neurogenetics of sociality”. In Science 2008

16) Fazel S. et al “ Seroious mental disorder in 23.000 prisoners….” In Lancet 2002

17) Flechter P.C. et al. “ Other minds in the brain. A functional imaging study…” In Cognition 1995

18) Goldenfeld N. et al. “ Empathizing and systemizing in males, females and autism “. In Clinical Neuropsychiatry 2005

19) Haznedar M.M. et al. “Limbic circuitry in patients with autism spectrum disorders studied with positron emission tomography and magnetic resonance imaging”. In American Journal of Psichiatry 2001.

20) Hettema J.M. “ A rewiew and metaanalysis of the genetic epidemiology of anxiety disorders”. In Am. Journal of Psichiatry 2001

21) Jabbi M. et al “Empathy for positive and negative emotions in the gustatory cortex” In Neuroimage 2007

22) Jackson P.L. “ How do we perceive the pain of others ? A window into the neural processes involved in empathy” In Neuroimage 2005

23) Jenkins A.C. Repetition suppression of ventromedial prefrontal activity during judgments of self and others.” Proc.Nat.Acc. of Science   USA 2008

24) Knafo A. et al “The developmental origins of a disposition toward empathy….” In Emotion 2008

25) Lamm C. et al “The neural substrate of human empathy….” Journal of Cognitive Neuroscience 2007

26) Lamm C. et al. “ Using functional magnetic resonance imaging to asses the modulation of sensory and affective responses during empathy for pain” . In Public Lib.of Science One 2007

27) Lee M. et al “ Interrelations of empathy, cognition and moral reasoning with dimensions of juvenile delinquency” In J.of Ab. Child Psichology 1988

28) Lombardo M.V. et al “Shared neural circuits for mentalizing about the self and others.” In J. of Cognitive Neuroscience 2010

29) Masserman J.H. et al. “Altruistic behavior in rhesus monkeys” . In Am. J. of Psichiatry 1964

30) Meyer-Lindenberg A. et al “Neural mechanism of genetic risk for impulsivity and violence in humans” In Pr. Of the Nat.Acc.of Science of the USA 2006

31) Minio-Paluello et al. “Absence of embodied empathy during pain observation in Asperger- Syndrome”. In Biological Psychiatry 2009

32) Mitchell J.P. Dissociable medial prefrontal contributions to judgments of similar and dissimilar others” In Neuron 2006

33) Moran J.M. “ Neuroanatomical evidence for distinct cognitive and affective components of self “. In Journal of Cognitive Neuroscience 2006

34) Northof G. et al “Self-referential processing in our brain : A meta-analysis of imaging studies on the self”. In Neuroimage 2006

35) Oakley B. “Pathological Altruism” Oxford Universit Press, Oxford 2011

36) Ochsner K.N. et al. “The neural correlates of direct and reflected self-knowledge” In Neuroimage 2005

37) 36) Ochsner K.N. et al “Reflecting upon feelings :An fMRI study of neural supporting the attribution of emotion to self and other”. In Journal of Cognitive Neuroscience 2004

38) Rhee S.H. et al “ genetic and environmental influences on antisocial behavior : A meta-analysis of twin and adoption studies “. In Psychological Bulletin

39) Rice G.E et al. “Altruism in the albino rat”. In J. of Comp. and Physiological Psychology 1962

40) Shamay-Tsoory S.G. et al. “Two systems for empathy : A double dissociation between emotional and cognitive empathy in inferior frontal gyrus versus ventromedial prefrontal lesions.” In Brain 2009.

41) Singer T. et al “ Empathy for pain involves the affective but not sensory components of pain” In Science 2004

42) 41) Singer T. et al “Empathic neural responses are modulated by the perceived fairness of others. In Nature 2006

43) Stevens D. et al. 2Recognition of emotion in facial expression and vocal tones in children with psychopathic tendencies” In J. of Genetic Psychology

44) Taylor, L.D. (2010). Avatars and Emotional Engagement in Asynchronous Online Communication. Cyberpsychology, Behavior, and Social Networking.

45) Volkow N.D. et al “Neural substrates of violent behaviour : A preliminary study with positron emission tomography” In British Journal of Psychiatry 1987

46) Wager T.D. et al. “ Prefrontal-subcortical psthways mediating successful emotion regulation” In Neuron 2008

47) Wakabayashi A. et al. “Individual and gender differences in empathizing and systemizing : Measurement of individual differences by Empathy Quozient (EQ) and the Systemizing Quozient (SQ). In Shiringaku Kenkyu 2006

48) Wheelwright S. et al” Predicting Autism Spectrum Quotient (AQ) from Systemizing Quozient -Revised(SQ-R) and Empathy Quozient (EQ). In Brain 2006

49) Zaki J. et al. “The neural bases of empathic accuracy”. In Proc.of the Nat. Acc. Of Sciences of USA.

50) Zambardo P. “L’effetto Lucifero. Cattivi si diventa ? “ Raffaello Cortina 2008

51) Pinotti A. "Empatia" Ed. Laterza 2011.

52)      Emma Rooksby   "Empathy in computer-mediated communications", in Id,E-Mail and Ethics, Routledge, New York, 2007

53) Tesi  Dottorato di Ricerca in Scienza della Cognizione e della Formazione, Università Ca’ Foscari Venezia (A.A 2006-2009

http://dspace.unive.it/bitstream/handle/10579/1028/cardinali_955330_tesi.pdf?sequence=1

54) “Marital satisfaction and break-ups differ across on-line and off-line meeting venues”, in  Proceedings of the National Academy of Sciences” 2013

http://www.pnas.org/content/110/25/10135

55) P.Wallace, "La psicologia di Internet", 2000

56)Agnes Vayruda, "Psycology and Internet"    2009

57) Watzlawick P. et al  1967. C'è una traduzione italiana "Pragmatica della Comunicazione umana, Astrolabio 1971.

58) Batson C.D. "The altruism question", Erlbaum (NJ), 1991

59) Darwall S. "Empathy, sympathy, care" In Philosophical Studies, 1998

60)Hoffman M.L. " Is empathy altruistic ?" in Psycological Inquiry, 1991

61) Wispè L " The distinction between sympathy and empath" in Journal fo Personality and Social Psycology 1886

62) Hahoda G. "The shift from sympathy  to empathy" In Journal  of the History of the Behavioral Sciences, 2005

63) Wood M. " Slavery , empathy and pornography, Oxford University 2002

 64)  "Radiografia emotiva" ed EMPATIA 2.0, Politecnico di Milano, 2012

http://economiaefinanza.blogosfere.it/2012/08/empatica-arriva-il-braccialetto-che-legge-le-emozioni.html

65) Ricerca Massachusetts General Hospital , 2007  "Le basi biologiche dell'empatia fra psicoterapeuta e paziente "

 http://psicocafe.blogosfere.it/2007/02/le-basi-biologiche-dellempatia-fra-psicoterapeuta-e-paziente.html

66) http://journals.lww.com/jonmd/pages/articleviewer.aspx?year=2007&issue=02000&article=00001&type=abstract

67) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19657025/

68) http://bizzarrobazar.com/2010/08/26/il-pittore-cieco/

69) http://www.diogenemagazine.eu/home/index.php?option=com_content&view=article&id=45:cieco-e-fotografo&catid=14:psicologia&Itemid=109

70)  http://empathybelly.org/home.html

71) Intervista ad Alfredo Gallese, scopritore dei "neuroni specchio" ("mirror neurons")

http://www.metaforum.it/showthread.php/15219-I-neuroni_dell-empatia/page2

72) Intervista ad Alfredo Gallese

http://www.asia.it/adon.pl?act=doc&doc=655

73) Rizzolatti G.et al. "The functional role of the parieto-frontal mirror circuit: interpretations and misinterpretations" In Nature Reviews neuroscience. 2010

74) Rizzolatti G. et al. "The mirror neuron system": Annual Review of Neuroscience 2005.

75Vaage  M.B.  "The role of empathy in Gregory Curri's philosophy  of film" in Br.J. of Aesthetics, 2009

76) Breger C. et al "Empathie und Erzahlung" Berlin 2010

77) D'Aloia A. "Cinempatia" , in Natura ,comunicazione, neurofilosofie , 2010

78) Schrader P. "Il trascendente nel cinema", 2002

79) Michotte van den Berck A. " La partecipazione emotiva  dello spettatore all'azione rappresentata sullo schermo" in La rappresentazione e gli affetti..

80) Munsterberg H. "Film, Uno studio psicologico, Bulzoni, 2010

81) Giordano M."Ripensare il processo empatico", 2004

82) Ginanni F. et a. "Intelligenza emotiva ed empatia in sanità",  2009

83) Slote M.A. "The ethics  of care and empathy", 2007

84) Bohart A.C "Empathy riconsidered",  1997

85) Clark A.J. " Empathy in counseling and psycotherapy", 2007.

 86) Allgrave and Ikonomou, "Introduction" in "Empathy, Form and Space: Problems in German Aesthetics, 1873-1893" (Santa Monica,     1994), 1-85.

87)Kohut H., "How does analysis cure?" The University of Chicago Press (Chicago, 1984),

88)Fogliani T. M., "Empatia ed emozioni", C.U.E.C.M. (Catania, 2003)

89) Galotti A., "Profili: Heinz Kohut" in "Individuazione" anno 11° nº42 (Genova, dicembre 2002), 4.

90)"Empathy - Neurological basis" in English www.wikipedia.org

91)"Biology's Big Bang - Unravelling the Secrets of RNA" The Economist June 16th, 2007.

92) Hojat M. "Empathy in Patient care - Antecedents, Development, Measurement and outcomes", 2007 Springer Science.

93) Jeremy Rifkin, La civiltà dell'empatia, Milano, Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., 2010. ISBN 978-88-04-59548-9.

94) M. Scheler, Essenza e forme della simpatia, FrancoAngeli, Milano 2010

95) A. Pinotti, Empatia. Storia di un'idea da Platone al postumano, Laterza (Roma-Bari) 2011.

96) Capurso M., Relazioni educative e apprendimento. Modelli e strumenti per una didattica significativa, Centro Studi Erickson, 2004

97) Fortuna F., Tiberio A., Il mondo dell’empatia. Campi di applicazione, Franco Angeli 1999

98)Stein E., L'empatia, Franco Angeli, 1986

99) Giusti E., Locatelli M., Empatia integrata. Analisi umanistica del comportamento, Sovera edizioni. 2007

100) http://ccare.stanford.edu/

101) Mc Williams N., La diagnosi psicoanalitica. Struttura della personalità e processo clinico, Astrolabio Ubaldini, Roma, 1999

102) Albiero P., Matricardi G., Che cos’è l’empatia, Carocci, 2006

103) Bonino S., Lo Coco A., Tani F., Empatia. I processi di condivisione delle emozioni, Giunti Editore, 2010

104) Gandolfi G.,Il processo di selezione. Strumenti e tecniche (colloquio, test, assessment di selezione). Manuale pratico applicativo con test ed esercitazioni, Franco Angeli, 2004

105) Bolognini S.,L'empatia psicoanalitica, Bollati Boringhieri, 2002

106) Rizzato M et al." Io sono il tuo specchio"(Neuroni specchio ed empatia",2011

107) Anolli L. "Psicologia della Comunicazione"2000.

108) Fiorani E." Grammatica della Comunicazione", 2006.

109) http://www.letteraldirettore.it/forum/testo/topic/9675-1.html

110) http://digilander.libero.it/IntelligenzaEmotiva/empatia.htm

111) http://www.empaticamente.it/empatia/avatar-empatia-e-comunicazione-online/

112) http://tecnoteca.it/tesi/comunita/7/2

113) http://crescita-personale.ecletticamente.com/pnl2/come-creare-empatia-via-email

114) http://www.euronews.it/2013/03/12/la-realtà-virtuale-mettera-i-violenti-nei-panni-delle-loro-vittime/5754

115) http://lascatoladelleidee.it/da-vicino-e-da-lontano-empatia-realta-virtuale/

116) http://www.chefuturo.it/lempatia-terra-di-innovazione-e-cambiamento/

117) Internet-based versus face-to-face cognitive-behavioral intervention for depression:A randomized controlled non-inferiority trial. http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0165032713005120

118) Online Psichotherapy

http://www.psychologytodai.com/blog/sacramento-street-psychiatry/201307

119) Ambienti virtuali, emozioni reali.

http://ilforumdellemuse.forumfree.it/?t=54966273

120)Ben-Ze'ev A. "Love online:Emotions on the Internet, University of Cambridge.

 121) La comunità degli psicologi online

www.psycommunity.it/sezioni/sezione7/psicologiadistanza.asp

122) Nuove forme di comunicazione

http://youtube.be/KImba8rqaoU

123) Keith Oatley. "Emotions.A Brief History" Oxford, Blackwell, 2004

124) Empathy online

  http://link.springer.com/article10.10007%2FBF01434996

125) Empathy and online interpersonal trust

www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/011449290310001659240?journalCode=tbt20#.UgA5jJKpVSR

126) Online Empathy. Erosion or Evolution ?

http://www.huffingtonpost.co.uk/stephen-carrckdavies/online-empathy-erosion-or_b_1685344.html

127) Patterns of empathy online communication

http://dl.acm.org/citation.cmf?id=1240763

128) Empathy in the Time of Technology

http://jetpress.org/v19/manney.htm

129) Is the Empathy to Key to Businnes Success Online ?

http://innovatebyday.ca/2012/12/is-empathy-the-key-to-businnes-success-online-2/

130) Psicologia: terapia online efficace quanto quella dal vivo

http://www.agi.it/research-e-sviluppo-notizie/201307301831-eco-rt-10323-psicologia_terapia_online_efficace_quanto_quella_dal_vivo

131) Building Empathy in Online Courses

http://www.igi-global.com/article/building-empathy-online-courses/70917

132) Building Empathy in Online Courses

http://sloanconsortium.org/conference/2012/aln/building-empathy-online-courses

133) Distance no barrier in buiding Empathy

http://www.massey.ac.nz/massey/about-massey/news/article.cfm?mnarticle_

134) Online Empathy, 2006

http:// www.igi-global.com/chapter/online-empathy/74109

135)The neuroanatomicalbasis of empathy.Is empathy impaired following damage to the ventromedial prefrontal cortex ?

http://ir.uiowa.edu./etd/781/

136) Empathic exchanges in online cancer support groups, 2011

Http://www.ncbi.nlm.nih.gov./pubmed/21318917

137) Empathy and emotion recognition in people with autism.....2013

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23174401

138) A multidimensional approach to individual differences in empathy

http://www.citeulike.org/user/voiklis/article/3410177

139) Empathy online

http://citeseerx.ist.psu.edu/viwedoc/summary?doi=10.1.1.11669

140) The Empathy Quotient Scale, 2003

http://okcupid.com/tests/the-empathy-quotient-scale

141) The original Empathy Test

www.originalempathytest.com

142) Free online Empathy and Compassion Curriculum Project

www.compassionate.org/group/FreeEmpathyCurriculum