La precoce esposizione al BPA (bisfenolo A) - un additivo che si trova comunemente nelle bottiglie di plastica e rivestimenti di alcune confezioni di minestre a lunga conservazione - provoca un aumento del rischio di cancro nei modelli animali-umani , secondo il ricercatore Gail Prins, presso l'Università di Illinois a Chicago

"Questo studio è la prima prova diretta che l'esposizione al BPA durante la crescita dell’individuo, ai livelli che testiamo nel nostro ambiente, giorno per giorno, aumenta il rischio di cancro alla prostata nel tessuto prostatico umano", ha detto Prins, professore di fisiologia e direttore del laboratorio di andrologia presso l'UIC College of Medicine.

L'aumento del rischio può essere ricondotto alle cellule staminali della prostata , cellule progenitrici, che vengono "sensibilizzate" agli estrogeni nei nostri primi anni di vita attraverso l'esposizione al BPA , che imita gli estrogeni nel corpo. L’esposizione ambientale a composti come il BPA, che imitano gli ormoni è diventato molto comune.

Le cellule staminali della prostata , che sono molto longeve, trasferiscono la maggiore sensibilità agli estrogeni nei tessuti della prostata che esse stesse producono per tutta la vita. Poiché il cancro della prostata è alimentata in parte dal fisiologico aumento ( anche relativo ) dei livelli di estrogeni negli uomini durante l’invecchiamento, l’aumento della sensibilità del tessuto prostatico agli estrogeni rende lo sviluppo del cancro molto più probabile, secondo Prins.

"Studi di mamme in attesa negli Stati Uniti ha mostrato che oltre il 95 per cento di loro ha avuto BPA nelle loro urine, il che significa che questi composti sono stati ingeriti di recente ", dice Prins, il cui lavoro ha portato a vietare la vendita di biberon e tazze contenenti BPA a Chicago nel 2009.

Precedenti studi da Prins e colleghi utilizzando ratti hanno dimostrato che l'esposizione a elevati di estrogeni o BPA durante lo sviluppo embrionale ha aumentato il tasso di cancro alla prostata. Per determinare se ci fosse un collegamento in esseri umani, Prins ha sviluppato un nuovo modello animale utilizzando cellule staminali umane della prostata implanPrins prendendo cellule staminali di prostata umana da giovani adulti di sesso maschile donatori di organi e le cellule sono state impiantate nei topi, dove hanno formato tessuto prostatico umano. Per simulare l'esposizione al BPA durante le prime fasi di sviluppo della prostata, Prins alimentato il topo BPA per le prime due settimane dopo il trapianto, a dosi in linea con quelli osservati in donne americane in gravidanza. Il tessuto è stato quindi lasciato maturare per un mese in un tessuto prostatico di tipo umano.

Dopodichè, Prins ha esposto i topi a elevati livelli di estrogeni da due a quattro mesi, per imitare il normale aumento di estrogeni negli uomini che invecchiano

Lesioni di carcinoma nel tessuto prostatico umano si sono presentate in un terzo del topo BPA alimentato, rispetto al solo 12 per cento in topi che non erano stati alimentati con BPA. Se le cellule staminali sono state esposte a BPA prima dell'impianto e di nuovo durante lo sviluppo, il 45 per cento ha mostrato segni di cancro.

"Crediamo che il BPA in realtà riprogramma le cellule staminali ad essere più sensibili agli estrogeni nel corso della vita, il che che porta a una maggiore suscettibilità per alcune malattie estrogeno dipendenti tra cui il cancro", dice Prins.

FONTE:

University of Illinois a Chicago