I disturbi urinari nelle donne sono spesso causate da cattive abitudini. Da uno studio condotto dalla Reuters Health nell’aprile 2008 è emerso che le donne abituate a bere 4 o più tazzine di caffè al giorno sono esposte ad un rischio maggiore di sviluppare problemi urinari quale la urgenza minzionale (necessità di espletare immediatamente la minzione - quindi urinare immediatamente - spesso associata a perdita di qualche goccia di urina) e la incontinenza urinaria (perdita involontaria delle urine).

Nel dettaglio sono state prese in considerazione 65.000 infermiere americane di età compresa fra i 37 ed i 79 anni  e suddivise in due gruppi:

-Consumatori di meno di 3 tazze di caffè equivalente a 299mg di caffeina (91%)

-Consumatori di 4 o più tazze di caffè equivalente a 450mg di caffeina (9%)

Ebbene le infermiere con alto consumo di caffeina presentava nei successivi 4 anni un rischio pari al 19% di sviluppare urgenza e/o alta frequenza minzionale e del 2,7% di sviluppare incontinenza urinaria.

Un altro studio condotto in Svezia dimostrava che esisteva una stretta correlazione dei disordini urinari oltre che con l’assunzione di caffè anche con l’età, il fumo, l’indice di massa corporea, e precedenti gravidanze; comunque se la caffeina ne era la concausa il suo ruolo era minimo così come dimostrato da uno studio pubblicato sul Journal of Urology nel marzo ultimo scorso.

Chiaramente ulteriori evidenze sono necessarie per affermare con certezza il ruolo ed il meccanismo d’azione di sostanze come la caffeina nell’incontinenza urinaria femminile.

Tutte le sostanze che determinano una eccitazione del sistema nervoso autonomo quali la caffeina, la teina, la nicotina, la glicirrizina contenuta nella liquirizia hanno anche effetto sulla pressione arteriosa e quindi sulla diuresi (quantità di urina prodotta dai reni nell’unità di tempo) che in ultima analisi può anticipare la partenza dello stimolo riflesso della minzione dovuta sia ad una rapida distensione vescicale sia ad una stimolazione nervosa più accentuata delle fibre  della muscolatura vescicale che si manifesta con la comparsa del sintomo della urgenza all’espletamento della minzione.

Il messaggio che è necessario cogliere è quello di raccomandare alle donne che già da giovani soffrono di urgenza ed alta frequenza urinaria di limitare l’utilizzo di sostanze eccitanti il sistema nervoso autonomo quali il caffè, il the, la liquirizia ed il fumo (considerando anche gli altri effetti nocivi di quest’ultimo) per evitare un aggravamento della sintomatologia nel corso degli anni.  

Fonte:                                                                                                       

Reuters Health Information

Very High Caffeine Intake Linked to Leaky Bladder