0/0
Aggiungi ai preferiti

Emorroidi prolassate


mercoledì 2 maggio 2012 da Utente 249xxx
Salve, chiedo un aiuto e un consiglio per risolvere un problema che ormai mi porto dietro da 2 settimane. Sono passati 14 giorni dalla prima visita proctologica, e seguendo la seguente cura: Daflon 2cpx3 al die, Proctosoll pomata 1x3 al die, Pentacol pomata prima di coricarmi, -semicupi in acqua tiepida e camomilla 3 al die, antibiotico 2cp x 5gg (non ricordo il nome), riposo assoluto, a tutt'oggi il gavocciolo e' ancora prolassato con dolorosi fastidi.
Nella penultima visita effettuata due anni fa il medico classifico' il mio problema come emorroidi di II grado mentre nell'ultima, pur non potendo portare a termine una anoscopia perche' la zona era particolarmente infiammata, mi ha anticipato che la situazione si era aggravata e sarebbe stata indispensabile l'operazione.
Chiedo un consiglio per saper come poter far rientrare l'emorroide?
Esiste un medicinale che possa far sgonfiare la parte prolassata per poter ritornare nel suo posto d'origine?
Grazie anticipatamente.
Corediali saluti

Segnala allo staff

Risponde dal 2002 il medico

Dr. Andrea Favara

Specialista in:
Chirurgia dell'apparato digerente
Gastroenterologia e endoscopia digestiva

Perfezionato in:
Chirurgia generale
Colonproctologia

Esercita a:
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 2724
indice medicitalia
Se le emorroidi sono ora di IV grado il prolasso è irriducibile e solo l' intervento risolverà il problema.

Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 2 maggio 2012, dopo 2 minuti
replica #1  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2011 il medico

Dr. Roberto Rossi

Specialista in:
Chirurgia generale
Chirurgia dell'apparato digerente
Gastroenterologia e endoscopia digestiva

Perfezionato in:
Colonproctologia
Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

Esercita a:
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Indice di partecipazione al sito: 537
indice medicitalia
Sta già attuando una terapia corretta. Se pero come probabile l'emorroide è trombizzata sarà necessario per ridurre i tempi di guarigione evacuare il coagulo ematico con una incisione. Consulti il proctologica o il chirurgot

Dr. Roberto Rossi
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 2 maggio 2012, dopo 2 minuti
replica #2  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Ma se non dovessero essere di IV grado esiste un rimedio per velocizzare lo sgonfiamento?

mercoledì 2 maggio 2012, dopo 5 minuti
replica #3  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 il medico

Dr. Sergio Sforza

Specialista in:
Chirurgia generale
Chirurgia dell'apparato digerente

Perfezionato in:
Colonproctologia
Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

Esercita a:
LECCE (LE)

Indice di partecipazione al sito: 127
indice medicitalia
Gentile utente, se la patologia emorroidaria di cui lei parla è in qualche modo complicata da una trombosi con edema, allora è possibile farmacologicamente migliorarla, se invece dovesse essere presente un prolasso permanente della mucosa anale con emorroidi associate che quindi non risalgono neppure manualmente ,allora dovrà considerare realmente l'opzione chirurgica che è l'unica in questa situazione a migliorare la sua patologia.
Cordiali saluti.

Dr. sergio sforza
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 2 maggio 2012, dopo 25 minuti
replica #4  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Nell'ultima visita esisteva una parte trombizzata e incisa con fuoriuscita di sangue coagulato. Ora c'e' solo la vena esterna che, dopo i semicupi, i massaggi e la terapia in corso, molto lentamente migliora. Quello che mi preoccupa e' la parola "molto lentamente"!
A meta' maggio dovrei effettuare un'altra visita proctologica e spero riescano a fare un'anografia per capire come intervenire.
Ringrazio in anticipo per tutte le risposte celere ricevute.
Cordiali saluti.

mercoledì 2 maggio 2012, dopo 22 minuti
replica #5  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 il medico

Dr. Sergio Sforza

Specialista in:
Chirurgia generale
Chirurgia dell'apparato digerente

Perfezionato in:
Colonproctologia
Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

Esercita a:
LECCE (LE)

Indice di partecipazione al sito: 127
indice medicitalia
Di nulla.
Auguri e cordiali saluti.

Dr. sergio sforza
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 2 maggio 2012, dopo 5 minuti
replica #6  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Rieccoci a chieder lumi sulla mia situazione. Il prolasso che stava lentamente rientrando nella normalità ora presenta una parte con pus e che mi fa preoccupare. Come dovrei comportarmi?

domenica 6 maggio 2012
replica #7  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 il medico

Dr. Sergio Sforza

Specialista in:
Chirurgia generale
Chirurgia dell'apparato digerente

Perfezionato in:
Colonproctologia
Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

Esercita a:
LECCE (LE)

Indice di partecipazione al sito: 127
indice medicitalia
Se ritiene che sia davvero pus, si rivolga al pronto soccorso di riferimento considerata la giornata festiva, diversamente faccia dei semicupi con acqua tiepida, si disinfetti con prodotti per la disinfezione anale,ce ne sono di diversi tipi in farmacia e domani si rivolga al suo curante, ma la cosa più importante non temporeggi nel farsi visitare dal proctologo.
cordiali saluti.

Dr. sergio sforza
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
domenica 6 maggio 2012, dopo 21 minuti
replica #8  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Onestamente non riesco a spiegare se sia pus o no, in quanto mi mancano i termini corretti. Quello che vedo e' una crosticina contornata da un alone giallastro. Dopo un paio d'ore di crema antroril e un semicupo tiepido di mezz'ora ho notato un miglioramento. E' corretto chiamarlo 'pus'?

domenica 6 maggio 2012, dopo 46 minuti
replica #9  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 il medico

Dr. Sergio Sforza

Specialista in:
Chirurgia generale
Chirurgia dell'apparato digerente

Perfezionato in:
Colonproctologia
Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

Esercita a:
LECCE (LE)

Indice di partecipazione al sito: 127
indice medicitalia
Non credo, ma una visita è necessaria.
Saluti.

Dr. sergio sforza
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 7 maggio 2012
replica #10  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Trombo flebite ulcerosa! Ultime news dal proctologo che oggi mi ha visitato. 4 giorni con gentaglia beta 3 volte al di e supposta serale asacol

mercoledì 9 maggio 2012
replica #11  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2002 il medico

Dr. Andrea Favara

Specialista in:
Chirurgia dell'apparato digerente
Gastroenterologia e endoscopia digestiva

Perfezionato in:
Chirurgia generale
Colonproctologia

Esercita a:
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 2724
indice medicitalia
Bene, ora ha una diagnosi ed una terapia.

Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 9 maggio 2012, dopo 2 ore
replica #12  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Dopo 4 giorni il medico decide di prolungare la terapia per altri 7 giorni. Oggi, quando mancano ancora 2 giorni al termine della terapia e dell'ulteriore visita, non sento nessun miglioramento e stamane il bruciore e' aumentato!!!
E' il caso di preoccuparmi? ..o devo solo portare pazienza?

venerdì 18 maggio 2012
replica #13  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2002 il medico

Dr. Andrea Favara

Specialista in:
Chirurgia dell'apparato digerente
Gastroenterologia e endoscopia digestiva

Perfezionato in:
Chirurgia generale
Colonproctologia

Esercita a:
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 2724
indice medicitalia
No,ma va ricontrollato.

Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 18 maggio 2012, dopo 1 ore
replica #14  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Lunedi' avro' la visita. o e' necessario anticipare?

venerdì 18 maggio 2012, dopo 3 minuti
replica #15  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 il medico

Dr. Sergio Sforza

Specialista in:
Chirurgia generale
Chirurgia dell'apparato digerente

Perfezionato in:
Colonproctologia
Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

Esercita a:
LECCE (LE)

Indice di partecipazione al sito: 127
indice medicitalia
No, se c'è un peggioramento della situazione può rivolgersi al PS del suo Ospedale.
Saluti.

Dr. sergio sforza
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 18 maggio 2012, dopo 2 ore
replica #16  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
Il medico dice che ho la parte interna ulcerata e quindi prima di sistemare il prolasso vorrebbe prima resecare l' ulcera e asportare un trombo che si e' creato.
Il problema e' quello dell'attesa. Ben 4 mesi ...a meno che non decida di operarmi a pagamento che con soli (si fa per dire) 4000€ sarei in sala operatoria dopodomani.
E chi non ha i 4000€?

martedì 22 maggio 2012
replica #17  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2002 il medico

Dr. Andrea Favara

Specialista in:
Chirurgia dell'apparato digerente
Gastroenterologia e endoscopia digestiva

Perfezionato in:
Chirurgia generale
Colonproctologia

Esercita a:
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 2724
indice medicitalia
4 mesi di attesa?si rivolga a un ospedale pubblico piu' serio.

Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 22 maggio 2012, dopo 4 ore
replica #18  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 249xxx
...per vostra informazione ho ricevuto questa tempistica dal Pio X a Milano

martedì 22 maggio 2012, dopo 15 minuti
replica #19  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 
 
 
 
 
 

News dai blog degli specialisti:

 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 0,29        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy